Home

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '1132' AND `published` = '1'Table \'./bizzarrocinema/jos_easycomments\' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'1132\'\n AND `published` = \'1\'
Wonder Stories #5
Scritto da L. Saracino, A. Cruciani, D. Silipo   
Tuesday 17 May 2011

Film di genere fantastico (quindi horror, fantascienza e dintorni) di produzione recente e ancora inediti in Italia. In questo quinto appuntamento: Rubber, Hobo with a Shotgun, La Meute, Nosso Lar, Thirst

 

Cos'è Wonder Stories:

Wonder Stories è uno speciale a puntate dedicato a tutto quel cinema di genere fantastico (quindi horror e fantascienza con annessi e connessi) proveniente da ogni parte del mondo e di produzione recente ma che ancora non si è visto sugli schermi italiani. Un appuntamento necessario dato che, grazie alle community di fansubbing e alle meraviglie del home video import, molti dei film che tratteremo possono essere recuperati e goduti anche da chi parla a malapena l’italiano.

 


 

Rubber

Regia: Quentin Dupieux (Francia, 2010)
Genere: Grottesco Durata: 82 min.

Dire “eccentrico”, “delirante”, “nonsense” equivale a usare un eufemismo. Un aggettivo giusto per Rubber devono ancora inventarlo, perché qui si è andati oltre. Quentin Dupieux (più noto in musica come Mr. Oizo), realizza un film che pare girato in un pomeriggio di noia da uno senza voglia, che ha messo in scena tutte le idee più “stupide” che gli potessero venire in mente senza badare a null'altro. Raccontando (ma sarebbe meglio dire “mostrando a sprazzi”) la storia di un pneumatico assassino, Dupieux realizza un'opera che sfugge continuamente al controllo di chi osserva e forse (forse) si palesa come uno sfottò di certo cinema americano. Lo suggerisce lo spiegone iniziale (che in realtà è un antispiegone), il pubblico che guarda il film nel film (ucciso per non dover chiudere una storia inconcludente), gli attori che fanno di tutto per essere sbrigativi e giungere alla fine senza troppo faticare, ma anche quel finalissimo che guarda al “grande cinema” con occhi non proprio benevoli o ancora la tagline che è una vera e propria dichiarazione d'intenti: “Are You Tired of the Expected?” (Siete stanchi del previsto?). Insomma, nell'epoca in cui troppi film vanno avanti per inerzia cercando di darla a bere al pubblico, Dupieux gira il primo vero film che va avanti dichiaratamente per apatia, ponendosi al di fuori di ogni parametro di gusto. Bello? Brutto? Semplicemente “oltre”. (Daniele 'Danno' Silipo)

TRAILER

 


 

Hobo with a Shotgun

Regia: Jason Eisener (Canada, 2011)
Genere: Azione, Commedia Durata: 86 min.

La febbre da Grindhouse sembra proprio non volersi fermare. E se Machete ha finalmente conquistato le sale di mezzo mondo, anche Hobo with a Shotgun (sempre tratto da un fake trailer) ha finalmente visto la luce, e si presenta più cattivo (ma anche più coatto) che mai. Come Machete, anche Hobo è un eroe anticonvenzionale: brutale, cattivo e dall'aria non certo rassicurante, è un senzatetto che decide di ribellarsi al tremendo Drake, sorta di moderno Charles Kane che ha monopolizzato la sua città controllando tutti i media e le forze dell'ordine, seminando terrore, orrore e panico con una linea politica spietata e senza ritegno. Lo splatter non manca, dunque. Lo humour nero neppure. Hobo with a shotgun è un perfetto film in stile grindhouse, che supererebbe addirittura il colosso Machete per originalità e plot. La fotografia ricorda molto da vicino quella dei grandi exploitation movies anni Settanta, accompagnata da una magistrale colonna sonora, degna di essere inserita negli annali della storia del cinema, da una recitazione volutamente eccessiva, da dialoghi profondamente pulp (e, per questo, irresistibili), e da situazioni al limite del nonsense. Difficile stabilire se Hobo with a Shotgun sia un capolavoro assoluto o una boiata totale: quel che è certo è che sarà difficile riuscire a dimenticarlo. Perché ognuno di noi, in fondo, sogna un giustiziere come Hobo. (Luna Saracino)

TRAILER

 


 

La Meute

Regia: Franck Richard (Francia, 2010)
Genere: Horror Durata: 90 min.

La giovane Charlotte con la sua vecchia auto attraversa il paese senza meta. Offre un passaggio ad un ragazzo, ma dopo essersi fermati presso “La spaack” (una bettola stile saloon nel bel mezzo del nulla), il giovane scompare: intenta a scoprire la verità Charlotte finirà in un incubo. Quella che da molti viene chiamata la novelle vague dell’horror francese continua a presentare al pubblico sempre nuove proposte e rivisitazioni di un certo cinema del passato. In questo film, con uno spunto alla Texas chainsaw massacre, si riprende il tema del viaggio, dei luoghi quasi incontaminati abitati da soggetti bizzarri e delle strane dicerie che movimentano la vita di campagna. Ma tutto viene stravolto come solo il nuovo cinema transalpino sa fare: la mostruosità viene dal sottosuolo e per sopravvivere deve essere nutrita, e chi meglio di una madre amorevole (Yolande Moreau, perfetta nell’interpretare la zoticona di turno un po’ toccata) può procurare il cibo ai suo piccoli? La primissima parte del film non preannuncia minimamente al resto – inquietante e ben collocata la barzelletta raccontata da Charlotte - mentre la parte finale seppur più fracassona nulla toglie al valore della pellicola. Un buon prodotto, scarno nelle scelte cromatiche e musicali, ma essenziale nei contenuti. Più che trasmettere paura, l’obiettivo sembra essere la voglia di sconvolgere il pubblico presentando una vicenda al di fuori dei classici schemi slasher di tanti bei prodotti anni '70. Con un finale abbastanza originale. (Alessandro Cruciani)

TRAILER

 


 

Nosso Lar

Regia: Wagner de Assis (Brasile, 2010)
Genere: Fantascienza, New Age Durata: 110 min. ca.

Benvenuti a Nosso Lar. La dimora del cielo in cui una redenzione è possibile. Un luogo della mente in cui ogni colpa può essere espiata e ricompensata con una nuova consapevolezza, della vita come della morte. A sei anni di distanza dal suo A Cartomante, il regista Wagner de Assis torna dietro la macchina da presa con uno dei lungometraggi più costosi della storia del cinema brasiliano. Complesso, controverso, intenso e squisitamente New Age, Nosso Lar è un film sulla vita e sulla morte, sull'espiazione dei peccati ma anche, e soprattutto, sulla presa di coscienza e sulla consapevolezza di sé stessi e della propria condizione (fisica, certo, ma anche spirituale). Arricchito da una fotografia fortemente caratterizzante, dagli ambienti (i luoghi cupi, freddi e inquietanti del purgatorio si oppongono a quelli luminosi, patinati e “pacifici” di Nosso Lar) e da una colonna sonora magistralmente diretta da Philip Glass, Nosso Lar è sì un film che parla di fede, soprattutto cattolica, ma è anche una sorta di trasposizione del Mondo delle Idee di matrice Platonica, noché una Divina Commedia in cui Andrè, il protagonista, incarna un Dante moderno, accompagnato nel suo cammino di purificazione e consapevolezza da un folto numero di “Virgilio”, pronti a fargli comprendere il vero valore delle cose. Perché per imparare dai propri errori, e per poter maturare, è necessario pazientare ed osservare. (Luna Saracino)

TRAILER

 


 

Thirst

Regia: Park Chan-wook (Corea del Sud, 2009)
Genere: horror, melodramma Durata: 133 min

Sang-hyun, giovane sacerdote in preda ai dubbi, decide di offrirsi come cavia per la sperimentazione di un vaccino contro il virus Emmanuel: fallito l’esperimento si ritrova in punto di morte e, dopo aver ricevuto una trasfusione, affronta una rapida guarigione che prevede come effetto collaterale la sua trasformazione in vampiro. Quella che inizia come una normalissima storia di vampirismo si sviluppa come un melodramma intenso, attraverso l’analisi del personaggio e della sua nuova condizione (concepita come una sorta di infezione/maledizione) e attraverso la sua vicenda erotico passionale con Tae-Ju, moglie di un lontano amico di famiglia. La storia piuttosto complessa, come il buon cinema orientale ci ha abituati (soprattutto quello di Park Chan-wook) si svolge con un ritmo lento e cadenzato, ma sicuramente elegante: scene cruente si alternano a giochi di sguardi (nelle partite di mahjong in famiglia) ritmati e tremendamente poetici. Echi di romanzi ottocenteschi, figure matriarcali imponenti, dogmi religiosi messi in costante dubbio, passionalità del sesso e dell’adulterio, e la sete di sangue dei vampiri sono gli elementi ben dosati e mescolati che si muovono perfettamente all’interno del film (premio della giuria a Cannes 2009) che arriva dritto ad un finale potente nella sua semplicità, senza annoiare mai. Il tentativo di rinnovare un genere - quello vampiresco ultimamente saturo tra serie cinematografiche, televisive e best sellers editoriali - sembra riuscito e sembra confermare (non ne avevamo certo bisogno in effetti) il genio e il talento del regista di Oldboy. (Alessandro Cruciani)

TRAILER

 


 


Trailer e anticipazioni dal mondo del fantastico (e dintorni)

 

Frankenstein's Army
L'olandese Richard Raaphorst, è uno che sa come attirare l'attenzione. Per il suo action-horror Frankenstein's Army ha rilasciato due video promo che sono una vera delizia. Il film dovrebbe ambientarsi intorno alla fine della Seconda guerra mondiale, quando un gruppo di scienziati nazisti basandosi sul lavoro del leggendario Victor Frankenstein, crea un esercito di supersoldiers utilizzando i "pezzi" dei caduti. Le riprese principali inizieranno a Settembre nei pressi di Praga. Di seguito i due promo.

 

Le magasin des suicides (The suicide shop)
Gli abitanti di una città fredda, grigia, tetra e triste, non hanno niente di meglio da fare che deprimersi e sucidarsi. Un settore talmente in crescita che c'è anche un negozio dedicato, contenente tutti gli strumenti necessari per togliersi la vita in ogni modo possibile e immaginabile. Ma poi un giorno arriva un bambino felice, così felice da rendere sereni tutti quelli che lo circondano... un bambino che rischia di rovinare il business dei suicidi. Produzione franco-belga-canadese diretta da Patrice Leconte che dovrebbe uscire in patria nella primavera del 2012. Di seguito il trailer.

 

Skull World
Chiudiamo con un documentario su un argomento molto Wonder: la guerra di cartoni. C'è gente che si diverte a mascherarsi e darsele di santa ragione utilizzando scatole e scatoloni, e c'è altra gente che si diverte a filmarla. Produzione canadese diretta da Justin McConnell ancora in post-produzione. Di seguito il trailer.

 

Via: twitchfilm.com

 

 

 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '46' AND `published` = '1'Table \'./bizzarrocinema/jos_easycomments\' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'46\'\n AND `published` = \'1\'

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '48' AND `published` = '1'Table \'./bizzarrocinema/jos_easycomments\' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'48\'\n AND `published` = \'1\'

Cinema Bizzarro

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '43' AND `published` = '1'Table \'./bizzarrocinema/jos_easycomments\' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'43\'\n AND `published` = \'1\'

Ultimi commenti

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6

Chi e' online

Abbiamo 19 visitatori online