Home

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '232' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'232\'\n AND `published` = \'1\'
BimboVisioni 3.1 - I Cultissimi
Scritto da G. Ioannisci, R. Fontana, A. Sciamanna, D. Silipo   
Tuesday 28 April 2009

Cult movie per piccoli anni 70-80-90. I Cultissimi: Explorers, Labyrinth, Mamma ho perso l'aereo, Da grande, Big.

 

EXPLORERS

Genere Fantascienza Regia Joe Dante
Produzione Usa, 1985 Durata 100'


Subito dopo Gremlins, famelici guastatori del Natale, Joe Dante realizza Explorers, una favola postmoderna che all’uscita si rivelò un grosso fiasco, ma che nel tempo si è guadagnata il giusto riconoscimento di piccolo cult. Insieme ad E.T., I Goonies, Wargames e Stand by me, il film di Dante racchiude un po’ tutto quell’immaginario partorito negli anni '80 che vede ragazzini alla ricerca del senso dell’amicizia, di un tesoro nascosto o della ragazza della porta accanto, ma soprattutto di se stessi, di un senso nel mondo e di una vera identità, ormai sempre più labile a causa dal progresso-regresso. Con i continui richiami al cinema anni '50 e '60 (drive-in, film in televisione), meglio sviluppati nei successivi Donne amazzoni sulla Luna (1987) e Matinée (1993), il film si pone, attraverso il messaggio pacifista, come punto di arrivo di un genere, quello fantascientifico, dominato da pellicole guerrafondaie («Per come ci trattate sarebbe sciocco venire sulla Terra», afferma uno degli alieni dopo il contatto). Ma chi l’ha detto che gli alieni sono cattivi? Dante, partendo dai lavori pacifisti di Steven Spielberg, affonda ancor più la lama in una società ferita dall’imperante capitalismo e plasmata da mass media capaci di stordire super-io sempre più fragili. I ‘video’ bambini alieni del film sono infatti plasmati dalla televisione come quelli umani e hanno personalità dominate da puzzle televisivi, il vero specchio della nostra società. Perché, come in altre pellicole successive, il regista ci tiene a creare, attraverso una metafora fatta di immagini in movimento, un ologramma di un nostro imminente futuro («Ci osservano attraverso la televisione, ma hanno imparato solo sciocchezze!» - «Lo so, loro credono che siamo così»). (Giacomo Ioannisci)


(Più biberon compaiono, più il film è "infantile" e poco adatto ad un pubblico adulto)

 

VIDEO-TRIBUTO

 


 

LABYRINTH

Genere Fantastico Regia Jim Henson
Produzione Gran Bretagna/Usa, 1987 Durata 98'


Labyrinth è una favola senza tempo, che avvince e diverte grazie alla spiccata creatività del regista Jim Henson, già ideatore dei Muppets. Confidando in quel magico “patto narrativo” che dovrebbe giustificare anche gli avvenimenti più assurdi, Labyrinth, non abusa della nostra tolleranza e non vuole confonderci, ma solo ricordare che ognuno di noi, nella sua infanzia, è stato ospite di un lontano (e personale) regno incantato. E il film ci offre proprio uno di quei mondi, animato da gnomi e altre inedite creature. Un mondo riservato a Sarah - interpretata da Jennifer Connelly, adolescente dai languidi occhi blu - ragazza sognante e impavida, con la loquacità di Alice nel paese delle meraviglie, che troverà sul suo cammino l’arcigno re Jareth (David Bowie). La ragazza dovrà percorrere un immenso labirinto popolato da strane creature, per salvare il suo piccolo fratellino, rapito e imprigionato proprio dal perfido re. Nel film si canta e si balla, su motivi creati appositamente da David Bowie, primo ad aprire le danze per celebrare il rapimento del bebé. Oltre alla “Gora dell’eterno fetore” e alle sue flatulenze, molte sfide attendono Sarah, che in quanto a volontà non ha nulla da invidiare a Braveheart, ma che solo grazie a un dono preziosissimo riuscirà nella sua impresa: l’amicizia sincera e disinteressata. (Roberto Fontana)


(Più biberon compaiono, più il film è "infantile" e poco adatto ad un pubblico adulto)

 

TRAILER

 


 

MAMMA HO PERSO L'AEREO

Genere Commedia Regia Chris Columbus
Produzione Usa, 1990 Durata 103'


É la notte di Natale e Kevin ha espresso il suo desiderio: far scomparire tutta la sacra famiglia e rimanere finalmente solo. Presto fatto. Dimenticato da tutti, Kevin resta a casa mentre i suoi familiari partono per le vacanze. L'avventura ha inizio: il piccolo dovrà fare i conti con due ladri impacciati e maldestri e dovrà superare le proprie paure. Con il nostro beniamino Macaulay Culkin, ce la siamo spassata di brutto. Solo e in libertà, in una casa tutta da scoprire, si è tolto ogni tipo di sfizio possibile, e noi con lui. La sua interpretazione è passata alla storia e, ancora oggi, si sorride pensando al mitico 'urlo da dopobarba' e al geniale percorso a ostacoli preparato per i ladri. Un cultissimo imperdibile per le nostre bimbovisioni che vanta un cast di tutto rispetto. Come dimenticare il faccione pasciuto di John Candy che, seppur in un piccolo ruolo, resta sullo schermo quanto basta per lasciare il segno. (Alessandra Sciamanna)


(Più biberon compaiono, più il film è "infantile" e poco adatto ad un pubblico adulto)

 

TRAILER

 

MAMMA HO RIPERSO L'AEREO di Chris Columbus (Usa, 1992) MAMMA HO PRESO IL MORBILLO di Raja Gosnell (Usa, 1997) MAMMA HO ALLAGATO LA CASA di Rod Daniel (Usa, 2002)
Il primo seguito del 1992, non aggiunge molto alla struttura consolidata del precursore: ancora una volta il giovane Macaulay rimane da solo e dovrà massacrare due ladruncoli imbranati. Solita zuppa in un “bis” che, tutto sommato, non disturba grazie anche all’innata simpatia del protagonista. Terzo seguito nel 1999, Mamma ho preso il morbillo, che vede anche un passaggio di testimone: Alex D. Linz al posto di Culkin. La trama è ormai usurata e cerca di rinverdirsi con qualche novità di poco conto (i ladri diventano 4 e sono alla ricerca di un misterioso microchip). Si regge in piedi grazie a qualche trovata divertente, ma siamo lontani dai precedenti. Quarto capitolo nel 2002, Mamma ho allagato la casa, girato senz’arte né parte con destinazione televisiva. Trascurabile.
Livello-bimbo: 2 biberon su 5 (Mamma ho riperso l'aereo); 3 biberon su 5 (Mamma ho preso il morbillo); 5 biberon su 5 (Mamma ho allagato la casa)

 


 

DA GRANDE

Genere Commedia Regia Franco Amurri
Produzione Italia, 1987 Durata 94'


Il piccolo Marco non ne può più di essere un bambino, vuole diventare adulto. Detto, fatto: il bambino, magicamente, diventa quarantenne (prende le “fattezze” di Renato Pozzetto), trova un lavoro, una donna e commette parecchi casini. Idea davvero grandiosa quella di Da grande che sfrutta con un certo polso e una buona dose di fantasia, il desiderio diffuso in molti bambini di farsi adulti prima del tempo. Sceneggiatura molto partecipata e parecchio trascinante che non accusa scarsità di idee. Pozzetto ci sta come la ciliegina sulla torta e, oltre a risultare particolarmente adatto nel ruolo di bambinone, riesce a infondere al personaggio una bella gamma di espressioni/emozioni (oscilla dall’infantilismo al malinconico) ed è irresistibilmente buffo. Ad affiancarlo nel cast, oltre ad una schiera di simpaticissimi piccoli attori, due pezzi da novanta come Ottavia Piccolo e Alessandro Haber. Dopo il grande successo in sala, gli americani, se lo sono arraffato: nel 1988 Da grande è stato “remakato” a Hollywood con il titolo Big. Un grande piccolo film italiano onesto e spontaneo, da tutelare e difendere. (Daniele 'Danno' Silipo)


(Più biberon compaiono, più il film è "infantile" e poco adatto ad un pubblico adulto)

 

TRAILER

 


 

BIG

Genere Commedia Regia Penny Marshall
Produzione Usa, 1988 Durata 104'


Remake non dichiarato dell’italiano Da grande, questo film della regista Penny Marshall è una tipica commedia americana che, pur rivolgendosi ad un pubblico di piccolissimi, strizza l’occhio a tutta la famiglia. Il tredicenne Josh esprime alla macchinetta magica di un Luna Park, il desiderio di diventare grande. La mattina seguente si sveglia nel corpo di un trentenne. Riciclata l’idea di Da grande, gli americani (questi misteriosi figuri), pensano bene di limare tutte le ingenuità della sceneggiatura italiana per confezionare un prodotto meno naif. Ed effettivamente ci riescono: la storia è più concreta, gli accadimenti più “realistici”, tutto risulta più stabile e strutturato ma anche meno spontaneo e scanzonato. Tom Hanks è bravo, quasi perfetto nel ruolo di bimbo cresciuto, ma il nostro Pozzetto lo batte in simpatia. Sicuramente ci si diverte, ma senza uscire troppo dai canoni. (Daniele 'Danno' Silipo)


(Più biberon compaiono, più il film è "infantile" e poco adatto ad un pubblico adulto)

 

TRAILER

 


 

Bimbovisioni crescono...

La versione “adulta” di alcune bimbovisioni esplorate nell’articolo
(tanto per cazzareggiare).


Labyrinth = Cube
Sia Labyrinth che Cube narrano le vicende di personaggi prigionieri in un labirinto pieno di insidie. Entrambi i film non perdono troppo tempo in spiegazioni. In tutti e due i casi compare un personaggio affetto da menomazione: Bubo in Labyrinth (non dichiarato) e Kazan in Cube.

 

LEGGI LA PRIMA PARTE: BimboVisioni Capitolo 1 - I Capolavori

LEGGI LA SECONDA PARTE: BimoVisioni Capitolo 2- Bimbocult Proibiti

 

CONTINUA:
"Bimbovisioni capitolo 3.2 - I cultissimi (parte seonconda)i"
Prossimamente...

 

 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '46' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'46\'\n AND `published` = \'1\'

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '48' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'48\'\n AND `published` = \'1\'

Cinema Bizzarro

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '43' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'43\'\n AND `published` = \'1\'

Ultimi commenti

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6

Chi e' online

Abbiamo 4 visitatori online