Home

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '740' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'740\'\n AND `published` = \'1\'
The Hunt
Scritto da Daniele 'Danno' Silipo   
Tuesday 15 June 2010

Regia Andrea Iannone

Genere Horror

In breve Una famelica creatura mostruosa vive in uno scantinato, prigioniera di un uomo malvagio. Un cacciatore di mostri è sulla sue tracce...

 

Genere Horror Regia Andrea Iannone
Cast Tony De Bozzo, Matteo Anastasi, Rashad Nelms
Paese Italia, 2009 Web: www.thehunt.it

 

Recensione

Una famelica creatura mostruosa, vive in uno scantinato, prigioniera di un uomo malvagio, lo sghignazzante Aldous. Assetata di sangue e sempre più incontrollabile, riuscirà a liberarsi dalla prigionia e inizierà a seminare il panico per le strade di Roma. Sulle sue tracce si metteranno, ben presto, l’inflessibile detective Mitchell e il tostissimo cacciatore di mostri Markus (nerovestito, sigaro in bocca, occhialoni scuri e parlata “ruvida”).

Il senso dell’umorismo è una dote rarissima; eppure, il più delle volte, si rivela l'ingrediente speciale che salva tutta la baracca. Specie in un horror splatter dalle mille derivazioni. Specie in un’opera prima e autoprodotta. Il giovanissimo Andrea Iannone (classe 1988), avido consumatore di horror americani (dalla serie A alla Z) lo sa benissimo e punta tutta sullo sghignazzo, amplificando i cliché e gli stereotipi del genere, fino quasi a realizzarne una parodia. Sangue a fiumi, eroi stracazzuti, giovinastri che schioppano e frasi fatte. Questi gli ingredienti principali di The Hunt, assieme alla lingua inglese (l’italiano compare solo nei sottotitoli), parlata in toni solenni ma con un accento maccheronico che contribuisce a fare gioco. Malgrado una struttura globale che non regge fino in fondo, sfilacciandosi un po' nella seconda metà, l’atteggiamento ironico e scanzonato del regista è quello giusto. Ed è questo l’importante - le carte o le hai o è molto difficile inventarle - al resto si può rimediare con l’esperienza: ricordiamo che Iannone ha girato il film a soli 19 anni. Un prodigio. (Daniele 'Danno' Silipo)

 

CONVERSAZIONE CON ANDREA IANNONE
a cura di Daniele 'Danno' Silipo

 

Raccontaci qualcosa della tua formazione...
Ho quasi 22 anni. The Hunt l’ho girato a 19, montato a 20 e presentato a 21. L’intero film è stato un grande laboratorio per me, ma anche per tutte le persone che con me hanno lavorato. Ho iniziato, come penso tutti, girando corti tra amici. Gli ultimi tre anni di liceo ho frequentato un corso pomeridiano di regia che mi ha dato le basi fondamentali. Ho svolto, grazie alla docente di questo corso, l’attività di aiuto regista in un cortometraggio per i Musei Capitolini. Quello che molte persone dimenticano, quando iniziano a girare qualcosa a livello amatoriale o semi-professionale, è l’enorme difficoltà gestionale della cosa. È chiaro che la gente lavora meglio quando è pagata; purtroppo, questo non è sempre possibile (come nel mio caso) e bisogna essere in grado di tenere insieme un gruppo di persone che rischia, dopo i primi tempi, di perdere il sincero entusiasmo iniziale. Non so esattamente come sia stato possibile per me: immagino che sono stato abbastanza fortunato. Ma di sicuro mi hanno molto aiutato le prime esperienze. Ora, a parte il film, ho avuto un’unica esperienza veramente professionale e mi accorgo quanta strada ho ancora da fare. Ogni giorno accetto questa sfida e il processo d’apprendimento continua, grazie agli studi del DAMS (che mi danno tutta la teoria che necessariamente va messa in pratica) e al ruolo di Assistente alla Direzione che ricopro presso il Filmfestival del Garda. Infatti, come ha detto Gianni Amelio quando è stato nominato Direttore di Torino Film Festival, dirigere un film e dirigere un festival hanno molti aspetti in comune: soprattutto la capacità gestionale. È chiaro che questo non è tutto, non sto assolutamente dicendo che è sufficiente essere un buon “manager” per essere un regista. Il cinema è arte, e chi fa dell'arte la propria vita deve fare un lavoro lunghissimo su di sé. Ma questo è un altro discorso, riguardo al quale non mi sento in grado di parlare…

Passiamo alla realizzazione del film...
Dopo che lavori su un progetto per due anni, di cose da raccontare ce ne sono un’infinità! Mi viene in mente mio fratello Davide (che fa il mostro), quando doveva mangiare la carne cruda: era marcia, puzzava da schifo e lui l’aveva a pochissimi centimetri dalla bocca! Gli stava venendo la nausea… Altra cosa divertente è stata girare al Villaggio Olimpico – chiaramente senza permessi – una scena molto truce in cui un uomo viene trapassato da parte a parte e fuoriescono i suoi organi interni (cioè frattaglie varie comprate la mattina dal macellaio); i bambini che giocavano dall’altro lato della strada sono rimasti traumatizzati! Una curiosità: le macabri catacombe in cui si svolge buona parte del film sono le cantine di casa mia. Ogni volta che ci scendevo pensavo: “Devo girarci un horror, devo girarci un horror…”. L’intero progetto di The Hunt è durato 2 anni. Le riprese sono iniziate a Dicembre 2007; interrotte poi fino a Marzo, quando abbiamo girato 6 giorni; poi un altro blocco fino a fine Aprile: da allora abbiamo girato tutti i weekend fino ai primi di Luglio. In tutto sono stati 28 giorni di ripresa, che ovviamente sarebbero stati la metà se avessimo girato tutto in un periodo contiguo. Le condizioni di lavoro erano piuttosto dure per tutti. Io però mi sono divertito come un matto. Terminate le riprese è iniziata la post-produzione che è durata un altro anno, tra montaggio video, audio mix ed effetti visivi. In questo periodo abbiamo ricevuto il contributo del Filmfestival del Garda e abbiamo presentato il film il giorno di Halloween, a Roma. Penso che tutti, dalla produttrice G.K. Denton al mitico Tony de Bozzo, siano stati soddisfatti… Fino a oggi abbiamo fatto altre proiezioni ottenendo sempre un riscontro positivo.

In The Hunt ti diverti a giocare con i cliché dell’horror: quali film in particolare hai preso come riferimento?
The Hunt è tratto da un mio cortometraggio del 2007 intitolato The Basement. Come ho detto, le cantine del mio palazzo sono state una forte ispirazione, ma sono stati soprattutto altri film che adoro fin dall’adolescenza a spingermi a scrivere un horror, soprattutto quelli di Robert Rodriguez e Peter Jackson. Ciò che mi piace di entrambi, è la forte ironia che caratterizza le loro pellicole e le combinazioni tra i generi dell’action e dell’horror.

Mostri e scene splatter: come hai lavorato sugli effetti speciali?
Sono stati tra le cose più divertenti ma anche più stressanti di tutta la lavorazione. Abbiamo provato a ottenere il meglio con lo scarso budget che avevamo. Lavorare con ragazzi esperti di trucchi è stato molto stimolante. Mio fratello Davide e io, poi, ci siamo occupati degli effettacci low-budget, o meglio, no-budget, come i manichini fatti in casa. Puntavamo non a un effetto realistico ma parodistico. Lo splatter come sottogenere orrorifico è bello per questo: rappresenta la morte con ironia.

Progetti futuri?
Una cosa è certa: non voglio più girare uno splatter! Non che non sia stata una bella esperienza…. ma desidero esplorare altri territori. Con Davide stiamo iniziando a scrivere un horror psicologico e io ho in cantiere un paio di cortometraggi, qualcosa di completamente diverso. Per The Hunt, invece, stiamo lavorando a una serie a fumetti.

 

 

 

Trailer

 

 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '46' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'46\'\n AND `published` = \'1\'

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '48' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'48\'\n AND `published` = \'1\'

Cinema Bizzarro

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '43' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'43\'\n AND `published` = \'1\'

Ultimi commenti

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6

Chi e' online

Abbiamo 10 visitatori online