Home arrow Pop Corn arrow Un'estate ai Caraibi

Un'estate ai Caraibi
Scritto da Emanuele Rauco   
Saturday 13 June 2009

In sala dal 12 Giugno 2009 Genere Commedia
Regia Carlo Vanzina Con Enrico Brignano, Carlo Buccirosso, Biagio Izzo, Martina Stella, Gigi Proietti
Produzione Italia 2009 Durata 110’
Distribuzione Medusa

Solita stantia sequela di barzellette e siparietti che non fa ridere, ma che almeno non raggiunge il livello di fastidio del precedente cine-cocomero.

 

Recensione

La genesi del titolo dovrebbe già dare un’idea di come vedono l’Italia e gli spettatori i fratelli Vanzina, o i loro produttori: dall’iniziale Last minute Caraibi, abbandonato sia per il timore che il pubblico non capisse o identificasse subito sia per l’assonanza con il fallimentare Last minute Marocco, si è passati al più conforme Un’estate ai Caraibi, cosicché il pubblico abbia già l’idea di vedere un prodotto seriale che s’instrada sulla scia dei vecchi film estivi e del rinato cine-cocomero, seguendo di un anno il fortunato, ma non troppo, e orribile Un’estate al mare. Fatta salva l’ormai appurata incapacità di far ridere e guardare un’Italia da fiction, il film è appena migliore del suo precedente.

Varie storie pretestuosamente intrecciate: un ragazzo va in vacanza per dimenticare la ragazza e la trova col suo migliore amico; un imprenditore si trascina l’autista trattandolo come uno schiavetto; un uomo, convinto di star per morire, vola ai tropici per godersi gli ultimi lampi di vita; un dentista si porta l’amante in vacanza cercando di nasconderla ai parenti e infine un poveraccio e un bambino che vivono di espedienti e che potrebbero trovare l’occasione della vita. La scelta della cornice (Antigua), dei personaggi e degli intrecci scritti dai soliti Enrico e Carlo è quanto di più banale e corrivo esista, ma la scelta di una commedia “di costume” che provi a confrontarsi con la sua tradizione diventa un prodotto innocuo e blando, senza le vette atroci del precedente.

Innanzitutto sembra che la realtà sia più presente nel film, fosse solo per la crisi economica globale e per la berluscomania che, come nel resto della nazione, pare aver afflitto il duo di fratelli, provando a mettere in scena un’umanità che forse non esiste (la grande maggioranza dei personaggi ha soldi e benessere che la metà bastano), ma di cui s’intravedono lampi, come nel personaggio dell’onorevole maneggione e fascistello. Peccato che il film resti comunque sessuofobico, nonostante l’esibizione femminile, e moralista, con tanti intrighi di sesso mai concretizzati, relegato agli anni ’80, perfino patetico nei toni di alcuni episodi.

Come e peggio di alcuni epigoni della commedia nostrana, la sceneggiatura non bacchetta mai i personaggi, si fa complice dei loro difetti e offende l’intelligenza dello spettatore non allineato, che non si può accontentare di qualche scena meglio scritta e di una regia appena meno sciatta del solito. E anche gli attori restano sottotono, se non imbarazzanti come il trittico livornese Martina Stella-Paolo Conticini-Paolo Ruffini, e qualche sorriso possono strapparlo solo due mattatori come Maurizio Mattioli e Carlo Buccirosso. Chi s’accontenta godrà, gli altri si spera non entreranno nemmeno in sala. (Emanuele Rauco)

 

 

Trailer:

 

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU