Home arrow Pop Corn arrow The Raven

The Raven
Scritto da Emanuele Rauco   
Sunday 25 March 2012

In sala dal 23/03/2012 Genere Thriller
Regia James McTeigue Con John Cusack, Luke Evans, Alice Eve, Brendan Gleeson, Kevin McNally
Paese USA/Ungheria/Spagna, 2012 Durata 109’
Distribuzione Eagle Pictures

►Come il Coppola di Twixt, McTeigue usa Poe come cuore di un'investigazione: ma qui è il pretesto di un thriller semplice, efficace, vecchio stampo...

 

Recensione

La stagione 2011/'12 sembra essere quella di Edgar Allan Poe: dopo il geniale e teorico omaggio di Francis Ford Coppola in Twixt, James McTeigue (V per vendetta) costruisce il suo terzo film attorno alla figura dello scrittore e poeta americano. O meglio attorno alle sue opere principali, come Il Pozzo e il pendolo o Il corvo, appunto. E ne trae un'opera che convincerà gli appassionati.

Lo stesso Poe è protagonista dell'intreccio, che vede al centro un copycat, un serial killer che imita i delitti descritti proprio nei romanzi dello scrittore, il quale – bisognoso di ritrovare il successo – aiuta la polizia a svelare l'enigma dietro la scia di sangue. Thriller horror vecchio stampo che ricorda certi film della Hammer più tarda, come Oscar insanguinato di Hickox, scritto da Hannah Shakespeare e Ben Livingston cercando una sorta di via americana a From Hell.

Costruito attorno al vero, grande mistero della vita di Poe, ossia cosa successe nei giorni precedenti la sua morte, su una panchina di un parco, da solo, The Raven usa un plot tipico del giallo e del thriller per riflettere magari ironicamente sui topoi e convenzioni del genere, sul meccanismo creativo e anche, se non soprattutto, sulle distanze incolmabili – nonostante il post-moderno – tra originali e copie. McTeigue, fuori dagli estremismi visivi del precedente Ninja Assassins, sa trarre il meglio dalle suggestioni tecniche e visive (fotografia di Danny Ruhlmann, scene di Roger Ford) per creare un film semplice e affascinante che approda a un finale, a suo modo, straziante.

La sceneggiatura sa rievocare lo spirito di Poe, perduto tra amore, dissoluzione mentale e bisogni materiali, all'interno di una solida impalcatura narrativa che la regia gestisce senza fronzoli e col giusto polso, dando il meritato spazio a una buona coppia d'attori, con John Cusack – Poe sui generis – battuto ai punti dal granitico e molto convincente Luke Evans, uno che vorremmo vedere più spesso e in ruoli sempre migliori. Senza strafare, il film sa mettere assieme le tre basi di qualunque buon film, regia, scrittura e attori: non male per il vituperato cinema medio contemporaneo. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU