Home arrow Pop Corn arrow È stato il figlio

È stato il figlio
Scritto da Emanuele Rauco   
Friday 14 September 2012

In sala dal 14/09/2012 Genere Drammatico
Regia Daniele Ciprì Con Toni Servillo, Giselda Volodi, Aurora Quattrocchi, Alfredo Castro, Fabrizio Falco
Paese Italia, 2012 Durata 90’
Distribuzione Fandango

► Una storia tragicomica diretta da Daniele Ciprì sullo sfondo di una Palermo disastrata con Toni Servillo mattatore sopra le righe...

 

Recensione

Di solito, per i film italiani, il giudizio della stampa nostrana è sempre un po’ filtrato dalla diffidenza di un cinema che non è all’altezza delle sue stagioni gloriose o ancora dallo sciovinismo aziendalista di chi li fa o li pubblicizza. Per È stato il figlio, esordio in solitaria per Daniele Ciprì dopo anni di collaborazione con Franco Maresco, invece la reazione è stata calorosa, compatta e sincera: perché questa storia grottesca e sopra le righe ha saputo conquistare il pubblico.

Il film racconta della famiglia Ciraulo che riesce a tramutare la disperazione per la morte accidentale della figlioletta in gioia per il lauto rimborso concesso (impunemente) alle vittime della mafia. Ma le trafile burocratiche e la sete di denaro getteranno Nicola e i suoi cari nel caos. Scritto da Ciprì con Massimo Gaudioso e Miriam Rizzo dal romanzo omonimo di Roberto Alajmo, È stato il figlio è una storia fosca e violenta declinata dal regista in toni e colori che portano a una sorta di mix tra le atmosfere desolate di Cinico Tv e il cinema di Roberta Torre (per cui Ciprì più volte ha curato la fotografia).

Costruito sul concetto arcaico di racconto, caro alla cultura siciliana, il film racconta l’arrivo del consumismo nell’Italia degli anni ’70, il sopraggiungere della follia dei sogni e bisogni imposti in un mondo che – con la Sicilia come cristallizzazione dell’intero paese – era ancora fuori dalla modernità, dalla civiltà contemporanea: Ciprì mette in scena, come suo stile impone, un’umanità "sporca" seppur non becera, sporca negli abiti e nei colori, ma anche nei rapporti con gli altri, dominata dal denaro benché di soldi non si parli mai (ogni volta che si tocca l’argomento la macchina da presa si allontana, e i rumori coprono il parlato).

Il gusto dei corpi e dei volti caratteristici sul filo del disfacimento si accompagna a una trasfigurazione stilistica che va dall’ironia grottesca all’onirico passando sempre per un senso della tragedia acuto e in fondo inquietante: Ciprì conferma anche da solo una mano e un polso non facili da eguagliare in Italia, nell’uso delle digressioni e variazioni, degli eccessi e dei comparti tecnici, degli attori che eccedono in modo anche un po’ macchiettistico – come Toni Servillo – o invece implodono dando il senso della tragedia, come il cileno Alfredo Castro, nel ruolo chiave e più desolato del film. E gli applausi non si sono fatti attendere. (Emanuele Rauco)

 

 

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU