Home arrow Pop Corn arrow Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare

Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare
Scritto da Emanuele Rauco   
Tuesday 17 May 2011

In sala dal 18/05/2011 Genere Azione
Regia Rob Marshall Con Johnny Depp, Penelope Cruz, Geoffrey Rush, Ian MacShane
Paese USA, 2011
Distribuzione Walt Disney Pictures

La serie cambia regista (Rob Marshall) e torna all'avventura ludica: migliora il ritmo, il divertimento, le invenzioni...

 

Recensione

Dopo le ingarbugliate e difficilmente digeribili strategie belliche del terzo episodio, la serie piratesca ispirata da un'attrazione di Disneyland passa da Gore Verbinski al musicofilo Rob Marshall, e abbandona (saggiamente) Orlando Bloom e Keira Knightley per rilanciare le avventure di Jack Sparrow e compagnia viaggiante. Riuscendoci.

Qualcuno spacciandosi per Sparrow sta reclutando uomini per un viaggio in nave: è Angelica, ex-fiamma del capitano-pirata che sta salpando per raggiungere la fonte dell'eterna giovinezza e rendere il padre Barbanera immortale; ma sulle tracce della fonte ci sono anche la corona inglese, capitanata da Barbossa, e quella spagnola. Il quarto episodio della miliardaria serie è sempre scritto da Ted Elliott e Terry Rossio, ma stavolta ispirandosi a un romanzo di Tim Powers tornano all'atmosfera ludica, picaresca e sanamente avventurosa dei primi due capitoli.

Il film, che ricorda una versione marinara di Indiana Jones e l'ultima crociata di Spielberg, è una classica caccia al tesoro che vaga per i proverbiali sette mari alla ricerca di oggetti, manufatti magici, pozioni incantate, mostri e suggestioni fantastiche, come un film di Douglas Fairbanks o Errol Flynn ma con la componente fantasy-horror (l'assalto delle sirene è efficacemente spaventoso): nulla di nuovo, ma se si guarda il film con lo spirito del ragazzino, il film funziona, diverte e inanella una bella serie di invenzioni spettacolari, come gli uomini appesi alla nave, le navi imbottigliate, le palme-catapulta.

Gli sceneggiatori capiscono il problema del film precedente e lo correggono tornando a una struttura lineare che permette sorprendenti variazioni mélo, episodi rocamboleschi e uno spirito non edulcorato; funziona poco solo l'amalgama tra i personaggi, Sparrow escluso. Mentre Marshall, reduce dal controverso Nine, dona all'azione una qualità coreografica che può fare a meno del montaggio iper-cinetico di moda (la fuga dal palazzo del re): è chiaro però che il peso – anche commerciale – del film è sulle spalle di Johnny Depp, magari un po' invecchiato, ma sempre spassoso, a cui faticano a tenere testa tutti (Penelope Cruz compresa) tranne il grandissimo Ian McShane. Attore titanico che, come gli spettatori, si diverte come un bambino. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU