Home arrow Pop Corn arrow Looper

Looper
Scritto da Emanuele Rauco   
Thursday 14 February 2013

In sala dal 31/01/2013 Genere Fantascienza
Regia Rian Johnson Con Joseph Gordon Levitt, Bruce Willis, Emily Blunt, Jeff Daniels, Paul Dano
Paese Usa, 2012 Durata 119'
Distribuzione Walt Disney Pictures Italia

►Rian Johnson rivede intelligentemente il noir in chiave sci-fi, grazie a un grande script e a un'attentissima regia...

 

Recensione

Ѐ il topos per eccellenza della fantascienza letteraria e cinematografica. Il viaggio nel tempo è uno di quegli elementi narrativi che subito aprono le porte dell'assoluto, dell'imprevisto, della possibiltà a qualunque racconto. Lo sa, e lo sfrutta benissimo, Rian Johnson, regista di abile mestiere che fa il salto nel cinema mainstream con il suo terzo film, Looper, interpretato da due divi come Bruce Willis e Joseph Gordon Levitt. Che interpretano lo stesso personaggio, Joe, uno nel 2044, l'altro 30 anni dopo. Qualcosa nel "sistema" s'inceppa e i due vengono a contatto, mettendo a rischio le proprie vite e compromettendo anche il futuro. Questa è solo una parte del complesso plot scritto dallo stesso Johnson, che man mano prende vie sempre meno prevedibili, aprendosi alla visione distopica. Ma il vero pregio di Looper è quello di saper riscrivere il genere noir declinandolo intelligentemente alla science-fiction, partendo dal paradosso temporale per eccellenza: se aveste la possibilità di tornare indietro e uccidere Hitler lo fareste?

Aperto da un incipt di agghiacciante semplicità, Looper è un racconto stratificato che oltre a riflettere sull'essenza del tempo come ciclo infinito (appunto loop, in alternativa alla tradizionale considerazione del tempo come linea), si diverte a condurre lo spettatore attraverso un intreccio che man mano perde sempre più i contorni predefiniti per trasformarsi in una narrazione più epica. Il noir d'azione diventa sempre più cupo e disperato, si fa strada con forza una componente melodrammatica e sentimentale spiazzante, che sfocia in una resa dei conti aperta alla visionarietà e in un finale di struggente intimismo.

Johnson si diverte, e lo fa con grande abilità, a ribaltare alcuni assunti consolidati: perciò rinchiude gran parte del film, soprattutto la seconda metà, in pochi ambienti, descrive il futuro con fattorie e campi di grano che paiono venire dal passato, dipinge la notte dei tempi con il sole della campagna permettendosi il lusso, assurdo a Hollywood, di mettere in scena l'uccisione dei bambini. Un film quindi sorprendente e appassionante che sa tramutarsi in varie cose, sa eccitare con l'azione ed emozionare con il sentimento: come un film di serie A dovrebbe sempre saper fare. Merito della regia molto attenta che sa come sfruttare la fotografia di Steve Yedline e il montagigo di Bob Ducsay, ma soprattutto di una sceneggiatura grandiosa nel comporre i piani temporali, nell'affrontarne i paradossi, nel raccontare storie differenti, dai toni quasi opposti, e amalgamarli con più convinzione rispetto a un kolossal come Cloud Atlas.

Un film di genere tra i migliori usciti recentemente dalla mecca del cinema, teso e ricco di idee, appassionante e originale tanto da far riflettere persino sul rapporto tra madre e figlio, sfruttando al meglio un'attrice spesso male utilizzata come Emily Blunt. I due protagonisti si commentano da soli: Willis è garanzia assoluta anche quando i personaggi assumono sfumature più umane, Levitt lo studia come il primo della classe e sa rendere credibile anche un trucco così pesante. Intrattenimento, cuore e cervello: un'addizione ancora possibile. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU