Home arrow Pop Corn arrow L'era legale

L'era legale
Scritto da Emanuele Rauco   
Monday 16 January 2012

In sala dal 13/01/2012 Genere Mockumentary
Regia Enrico Caria Con Patrizio Rispo, Rita Corrado, Cristina Donadio, Tano Grasso
Paese Italia, 2011 Durata 75’
Distribuzione Bolero Film

►Enrico Caria disegna il probabile futuro di Napoli in un falso documentario che mescola l'impianto rigidamente a tesi con un umorismo convincente...

 

Recensione

Evidentemente l'elezione di Gianni De Magistris a sindaco di Napoli ha portato un'onda lunga di ottimismo, voglia di fare, entusiasmo. Enrico Caria, giornalista e vignettista oltre che cineasta, ha intercettato questa onda e ne ha tratto L'era legale, un mockumentary (ossia un documentario di finzione) su Nicolino Amore, un futuro, miracoloso sindaco napoletano.

Sindaco che, nel 2020, ha reso Napoli una città sicura, pulita, moderna, civile: come è possibile? Il film racconta la sua storia e i suoi metodi, ma allo stesso tempo parla della realtà, di quello che non funzione nella Campania (e nell'Italia) contemporanea. Caria scrive questa commedia avveniristica e “visionaria” per riflettere sui problemi che affliggono la città di Partenope.

Il film infatti pone l'accento sulla corruzione della civiltà nel capoluogo campano, incarnata soprattutto dalla presenza ingombrante della camorra e su come essa non controlli solo i traffici illegali della città, ma influenzi la stessa condotta etica dei cittadini, in tema di rifiuti e modernizzazione della metropoli: il sindaco Amore rappresenta così un uomo comune, non migliore di altri e coi suoi scheletri nell'armadio, che risolleva con la forza della volontà un'intera città. Parabola quindi vagamente capriana, della quale però non convince l'impianto pesantemente a tesi (e buonista) della seconda parte: come se la droga e l'anti-proibizionismo fossero la soluzione a ogni problema, come se togliere parte degli introiti alla camorra bastasse da sé senza dare alcun conto alla politica, senza riflettere davvero sulle interviste che Caria porta come corollario.

È una debolezza comprensibile, ma grossa, che però nella sceneggiatura s'intreccia con un humour acceso e vivace, sorretto anche dalle animazioni, con influenze colte (Il sindaco di Capuano) o popolari, come il coté da sceneggiata e soap-opera, che danno al film un impianto più complesso e allo stesso tempo credibile: non a caso, il protagonista Patrizio Rispo viene proprio da una soap come Un posto al sole e il resto del cast è in parte, fin quando non deve prendersi sul serio. Però, oltre a essere una buffa commedia, è anche un ricettacolo di spunti di riflessione: e questo è più di quanto si possa dire per una commedia o film medio nostrano. (Emanuele Rauco)

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU