Home arrow Pop Corn arrow Frankenweenie

Frankenweenie
Scritto da Davide Schiano di Coscia   
Thursday 17 January 2013

In sala dal 17/01/2013 Genere Animazione
Regia Tim Burton Con Catherine O'Hara, Martin Short, Martin Landau, Charlie Tahan, Winona Ryder
Paese Usa, 2012 Durata 87'
Distribuzione The Walt Disney Company

►“Ѐ vivo! Si Muove! Scodinzola!!!”. Tim Burton nella sua seconda versione “cinofila” del Frankenstein dichiara il suo amore per il cinema dell'orrore che fu…

 

Recensione

Il piccolo Victor ha due grandi passioni: la scienza e il suo cane Sparky. La sua vita viene violentemente sconvolta quando una macchina investe il povero cagnolino. Ma Victor non ha nessuna intenzione di lasciare andare il suo unico e fedele amico, così, durante una lezione sui fulmini particolarmente appassionata, tenuta dal sinistro professor Rzykruski, viene colto da un’idea terribilmente assurda: riportare in vita Sparky proprio con l’aiuto dei fulmini. Come un novello dottor Frankenstein, Victor avvia l’esperimento nella soffitta di casa, in una notte buia e tempestosa, e contro ogni aspettativa la strana pratica va in porto: Sparky torna in vita, seppur con un look “diverso”. Impossibile non raccontare a tutti un evento di tale importanza, così i compagni di scuola decidono di replicare l'esperimento, stimolati anche dall’imminente concorso scientifico.

Frankenweenie suona molto familiare ai fan di vecchia data di Tim Burton, è infatti il titolo di un cortometraggio realizzato dal visionario regista nel 1984, periodo in cui muoveva i primi passi dietro la macchina da presa. Burton ha dichiarato di aver concepito da subito Frankenweenie come un lungometraggio in stop motion, ma a causa del budget limitato dovette ripiegare su un corto live action. Dopo tutti questi anni l'idea originale ha finalmente preso forma: ma con quali risultati?

Tim Burton non ha mai fatto mistero del suo amore per i “mostri” classici della Universal e della Hammer, e sfogliando la sua filmografia sono frequentissime le citazioni, i rimandi e le strizzate d'occhio a questi grandi mondi e ai relativi personaggi. Se all'inizio della carriera, questo aspetto poteva rappresentare un punto di forza e di netta distinzione, con il tempo ha finito per imbrigliare la potenza visiva del regista, rendendolo a tratti ridondante e facendogli perdere quell'aura di meraviglia, imprevedibilità e sorpresa, che tanto ha caratterizzato le sue prime opere. Frankenweenie è un film stilisticamente perfetto, anche troppo: c'è tutto quello che il fan di Tim Burton si aspetta di trovare, al punto che la visione non riserva più sorprese, seguendo diligentemente una strada sicura e “prevedibile”. Sia chiaro, resta comunque un film godibile, dalle atmosfere suggestive e dai personaggi ben delineati e simpatici; ma da uno dei registi più innovativi e visionari di Hollywood ci si aspetta (sempre) qualcosa in più. Qualcosa di meno "rassicurante". (Davide Schiano di Coscia)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU