Home arrow Pop Corn arrow Four Lions

Four Lions
Scritto da Emanuele Rauco   
Tuesday 31 May 2011

In sala dal 03/06/11Genere Commedia
Regia Chris Morris Con Riz Ahmed, Kayvan Novak, Nigel Lindsay, Adeel Akhtar
Paese Gran Bretagna, 2010
Distribuzione Videa-Cde

Una commedia demenziale, assurda e irresponsabile per provare a riflettere in modo controverso sulla morte e la jihad.

 

Recensione

Non è facile mettere in scena il fondamentalismo religioso in modo serio, senza grossolanità da action-movie, e dopo il crollo delle Twin Towers è quasi impossibile: per cui l'esordio cinematografico del satirista Chris Morris può far storcere il naso oppure esplodere di divertimento. O entrambe le cose.

Protagonisti del film sono quattro giovani musulmani che cercano di mettere in atto la loro vocazione al martirio e proclamano la jihad (la guerra santa) contro l'Inghilterra: ma cosa colpire? E come? Sitcom, mockumentary e commedia demenziale miscelati nella sceneggiatura del regista, Jesse Armstrong e Sam Bain con l'intento di mostrare come “l'ideologia è idiozia”.

Il bersaglio principale del film è il fondamentalismo islamico e la politica del terrore di alcune frange estremiste (i cui membri sono esseri umani e come tali ridicoli) e per farlo non si ha paura di mettere in scena la morte e la violenza declinandola con humour assurdo e demenziale. Morris si diverte a scardinare molti dei punti fermi delle teorie jihadiste (la battuta sugli strumenti a corda come emissari del male) e non ha paura di ritrarre gli aspiranti terroristi come ragazzini poco cresciuti e tonti patentati che giocano con le pistole ad acqua; ma allora perché il finale sacrificale e il pathos?

La sceneggiatura si struttura come una commedia tv (dalla quale il regista proviene) e per metà va avanti per sketch, alcuni riuscitissimi come quello sull'acquisto della candeggina, e non sa bene gestire il finale, ma lo stile di Morris tra documentario e televisione di consumo è curioso e sa evidenziare bene la profonda ambiguità di un film vagamente irresponsabile, eppure esilarante. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU