Home arrow Pop Corn arrow Corpo celeste

Corpo celeste
Scritto da Emanuele Rauco   
Thursday 26 May 2011

In sala dal 27/05/2011 Genere Drammatico
Regia Alice Rohrwacher Con Yile Vianello, Salvatore Cantalupo, Pasqualina Scuncia, Anita Caprioli, Renato Carpentieri
Paese Italia, 2011
Distribuzione Cinecittà Luce

L'esordio di Alice Rohrwacher è una riflessione sulla religione ai nostri giorni che però diventa un film arrogante e pieno di colpi bassi...

 

Recensione

Sorella della più famosa Alba, emaciata attrice di talento, Alice Rohrwacher arriva all'esordio nel lungometraggio a soggetto – dopo musica e documentari – con un film dalle ambizioni antropologiche, presentato (a quanto pare con successo) all'ultima Quinzaine des réalizateurs del festival di Cannes.

Racconta di Marta, una ragazzina che torna con la madre in Calabria dopo molti anni passati in Svizzera: qui viene poco a poco educata alla religione cattolica, vista e riletta tra voglia di modernità e residui ancestrali. Dramma di formazione, racconto antropologico, semi-documentario sulla religione diventano nella sceneggiatura della regista elementi di un film che coi minuti si trasforma in un arrogante esempio di sguardo verticale e arroganza intellettuale.

L'obiettivo dichiarato dell'opera è quello di raccontare l'influenza della religione e dei riti cattolici nel profondo sud contemporaneo, mettendo in luce il contrasto tra il bisogno di rinnovamento per attrarre giovani e il bisogno dell'”istituzione” di reiterare comportamenti, icone, tradizioni (lo scontro tra il crocifisso al neon e quello figurativo); il grave problema di Rohrwacher è però quello di usare questi riti come trucchetti per empatizzare con lo spettatore, senza cercare minimamente di capirli e contestualizzarli, ma facendone il grimaldello intellettuale con cui sbertucciare il popolo “incolto”.

Operazione mesta e vagamente meschina, piena di colpi bassi (i gattini), simbolismo spicciolo e morbosità sparse che la regista cerca di spacciare per riflessione progressista: sarà un caso che gli unici due personaggi a uscirne bene sono quelli che vengono dalla “civile” Svizzera? E che dire dello stile documentaristico che dovrebbe rendere “vera” la facile ironia? Un film freddo e programmatico, ma anche poco intelligente dove si usa, né più né meno, la buona fede delle persone; e anche degli attori, come le brave Yile Vianello e Anita Caprioli o il compunto Salvatore Cantalupo, che nulla possono verso un film decisamente sgradevole. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU