Home arrow Pop Corn arrow C'era una volta in Anatolia

C'era una volta in Anatolia
Scritto da Emanuele Rauco   
Sunday 17 June 2012

In sala dal 15/06/12 Genere Drammatico
Regia Nuri Bilge Ceylan Con Muhammet Uzuner, Yilmaz Erdogan, Taner Birsel, Ahmet Mumtaz Taylon, Firal Tanis
Paese Turchia, 2011 Durata 157'
Distribuzione Parthènos

►Il più grande regista turco, Nuri Bilge Ceylan, in una nera favola esistenziale dove tempi, luoghi e storie diventano cinema solenne

 

Recensione

Quando un film ha nel titolo la locuzione “C'era una volta” (in America o nel West per Leone, in Cina per Tsui eccetera) di solito si fa riferimento a un passato epico: invece, nel suo nuovo film Nuri Bilge Ceylan – semplicemente il più grande regista turco in attività – va in contropiede e ritorna all'essenza fiabesca delle parole, declinandola al nero, entrando dentro le esistenze dei personaggi.

Al centro del film (che nel 2010 ha vinto il gran prix del festival di Cannes), le indagini su un delitto misterioso: il presunto assassino cerca di condurre la polizia al corpo della vittima, ma non riescono a trovarlo nella steppa turca. Dov'è finito il cadavere e cosa è davvero successo? Ceylan scrive assieme a Ebru Ceylan ed Ercan Kesal un finto giallo che, come in L'avventura di Antonioni, nasconde in realtà un affresco psicologico e geografico di un mondo.

Perché attraverso questi personaggi che cercano, senza sapere bene cosa o dove, il film mette in scena l'essenza dell'uomo moderno che deve dare un senso alla propria vita, cercando di capire ciò che lo circonda e, cosa ancora più difficile, come funziona. Più che l'omicidio passionale al centro dell'intreccio, il vero giallo è quello che accomuna dottore e procuratore, il simbolo dei tentativi disperati e vitali di trovare una ragione a tutto. Su questo scarto tra le cose e il loro funzionamento, tra la razionalità e lo spirito, gioca Ceylan che però non si limita a simboli e immagini pittoriche ma usa il cinema, la forma e il suo linguaggio per comunicare al pubblico in un modo antico e modernissimo.

Come il cinema d'autore classico, ogni elemento ha una sua precisa valenza e nasce da un'idea forte del regista, il quale usa i suoi elementi per plasmare un mondo: il tempo (quasi) reale, i campi lunghi e lunghissimi che presuppongono il grande schermo e che isolano i personaggi come e più degli aridi luoghi, ma anche la capacità di ritrovarsi e, appunto, comunicare attorno a una tavola imbandita. Come nella bellissima scena a casa del sindaco in cui appare la figura chiave, la figlia del primo cittadino, l'angelo che racchiude le varie chiavi di lettura del film ed esplicita l'elemento fiabesco di cui si diceva all'inizio. Ceylan ritrova la grandezza perduta del cinema moderno costruendo il film come un romanzo, puntiglioso nel racconto ed evocativo nello stile, pieno di digressioni in voce over che aprono la testa e il cuore dei vari caratteri, di ambienti che descrivono gli stati d'animo. Un film di grande respiro, ambizione, bellezza e prospettive, di quelli che sarebbe bello vedere più spesso nelle nostre, ormai svuotate, sale. (Emanuele Rauco)

 

Trailer:

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU