Home arrow Ultimora arrow Science + Fiction 2010 (i premi)

Science + Fiction 2010 (i premi)
Scritto da Redazione   
Sunday 14 November 2010

 

 

SI CONCLUDE OGGI "SCIENCE+FICTION" - PREMIAZIONI E BILANCI

 

TRANSFER VINCE IL PREMIO ASTEROIDE, NORWEGIAN NINJA SI AGGIUDICA UNA MENZIONE SPECIALE

A RARE EXPORTS: A CHRISTMAS TALE SPETTA IL MÉLIÈS D’ARGENT AL MIGLIOR LUNGOMETRAGGIO FANTASTICO EUROPEO, A TECHNOTISE UNA MENZIONE SPECIALE

NOMINATION AL MÉLIÈS D'OR AL CORTOMETRAGGIO NORVEGESE DADDY'S GIRL, MENZIONE A TELEPORTATION

PREMIO NOCTURNO NUOVE VISIONI AL TEDESCO RAMMBOCK

PREMIO DEL PUBBLICO A RARE EXPORTS: A CHRISTMAS TALE


TRIESTE, 14 novembre 2010 – E’ il film tedesco Transfer di Damir Lakacevic il vincitore del PREMIO ASTEROIDE (assegnato al miglior lungometraggio di fantascienza in Concorso). A Norwegian Ninja di Thomas Cappelen Malling spetta una Menzione Speciale. Lo ha deciso la Giuria Internazionale di Science+Fiction_10, presieduta dal regista Lamberto Bava. Con lui un team d'eccezione composto dallo scrittore e regista F. J. Ossang e dal Character Animator triestino Mitja Rabar.

A detta della Giuria, “per la capacità di unire componenti e tematiche opposte, problemi come giovinezza e senilità, differenza di colore della pelle e conflittualità tra nord e sud, costruendo un clima fantascientifico con una componente di poesia, e realizzando una credibile proiezione del presente nel futuro” il miglior film in Concorso è Transfer di Damir Lukacevic. La Menzione Speciale va a Norwegian Ninja “per la vitalità del prodotto, per il suo nonsense humour e per l'autoironia”.

Per quanto riguarda l’assegnazione del Méliès d’Argento al Miglior Lungometraggio Fantastico europeo, va a Rare Exports: a Christmas Tale di Jalmari Helander. La Giuria, composta dal regista Edoardo Margheriti, dal regista Ruggero Deodato e dal produttore ed editore Daniel Ortolan, ha voluto premiare la pellicola finlandese “per lo stile impeccabile nel raccontare una storia che racchiude tutti gli elementi del fantasy – dall'horror, alle fiabe, alla grande avventura – descritte con mano sapiente e straordinariamente interpretate da ottimi attori, in special modo il bambino che rende una prova d'attore maturo e consumato. Un film che apre prospettive ed interesse sul cinema scandinavo, attualmente in grossa ascesa, molto apprezzato dal pubblico”. Menzione Speciale al film d'animazione serbo Technotise “perchè si sente l'enorme mole di lavoro e la grande passione di un giovane autore che è riuscito a proporre un ottimo film basandosi su tematiche forti e immagini spettacolari. Sicuramente uno dei migliori film di animazione visti negli ultimi anni”.

Nella sezione European Fantastic Shorts, la selezione di cortometraggi fantastici europei, la Giuria ha assegnato la Nomination per il Méliès d'Or (Miglior cortometraggio fantastico europeo) al norvegese Daddy's Girl di Helen Komini Olsen, “per essere riuscito a differenziarsi dalla classica introspezione, di difficile comprensione, di questo tipo di racconti. Confezionando un prodotto fresco e divertente, ricco do colore e fantasia, una moderna favola a sfondo noir per un pubblico adulto”. Menzione Speciale al tedesco Teleportation di Markus Dietrich, perchè “una bellissima idea di speranza e sentimento, raccontata con toni fantastici e divertenti. Bambini che recitano come attori consumati”.

Premio Nocturno Nuove Visioni per un opera europea particolarmente significativa per il rinnovamento del cinema di genere, in collaborazione con la rivista Nocturno Cinema, al tedesco Rammbock diretto da Marvin Kren e sceneggiato da Benjamin Hessler. Questa la motivazione: “ Come nei migliori zombie-movie, Rammbock usa il tema dei morti viventi per fare emergere una storia intensa di passioni umane”:

Quanto al Premio del Pubblico (attribuito in collaborazione con la Provincia di Trieste e il Cinecity), gli spettatori della kermesse hanno scelto di assegnarlo a Rare Exports: A Christmas Tale.


Si è conclusa così questa decima edizione di Science+Fiction Festival Internazionale della Fantascienza di Trieste), che quest’anno ha festeggiato il suo decennale.
Ma l’iniziativa - realizzata e promossa dal centro ricerche La Cappella Underground - sta già scaldando i motori in vista della sua prossima stagione. Intanto i primi dati di questa edizione mettono in luce un record di presenze, con un netto aumento del numero di spettatori della kermesse, e il tutto esaurito negli spettacoli serali, e non solo.

“E’ stato un grande successo di pubblico anche quest’anno – ha detto il Direttore Daniele Terzoli – anzi, in proporzione l'afflusso di spettatore è stato anche più elevato, con grande apprezzamento per la qualità della nostra proposta. Segno che il pubblico ci segue con costante fedeltà e interesse crescente. Anche su scala nazionale, la manifestazione ha raggiunto un grande livello di notorietà. Grandi soddisfazioni che vanno in conflitto con i problemi finanziari sempre più preoccupanti con cui il festival si deve confrontare. Da parte nostra continueremo a fare tutto il possibile per essere all'altezza delle aspettative e delle ambizioni di questa kermesse. Il nostro appello va, inevitabilmente, al mondo della politica, affinché Science+Fiction possa trovare anche in futuro un sostegno adeguato non soltanto per sopravvivere ma per fare un ulteriore salto di qualità, così come meritano sia i suoi spettatori sia l'intera città di Trieste”.

 

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU