Home arrow Ultimora arrow FEFF 13: The Lost Bladesman in apertura

FEFF 13: The Lost Bladesman in apertura
Scritto da Redazione   
Tuesday 19 April 2011

 

THE LOST BLADESMAN: ANNUNCIATO IL FILM A SORPRESA DELLA OPENING NIGHT!

 

È stata presentata ieri la tredicesima edizione del ‘Far East Film Festival’ di Udine (29 Aprile/7 Maggio). Annunciato il film a sorpresa della Opening Night del 29 Aprile. Si tratta di The Lost Bladesman, dagli autori della saga Infernal Affairs, Alan Mak e Felix Chong.

Nel corso della conferenza stampa è stato annunciato il film a sorpresa della Opening Night di venerdì 29 aprile: si tratta di The Lost Bladesman diretto a quattro mani dagli hongkonghesi Alan Mak e Felix Chong (già autori dell’indimenticabile saga di Infernal Affairs). Il film è una prima assoluta per un Festival internazionale e debutterà sugli schermi asiatici il 28 aprile. Tre titoli esplosivi quinidi, per cominciare alla grande. Venerdì 29 aprile, dalle 20.00, la tredicesima edizione prenderà il largo con l’anteprima europea di Welcome To Shama Town, con i 33 minuti – già cult – dell’horror Night Fishing e con l’anteprima assoluta di The Lost Bladesman. Come ogni anno, il Far East Film riflette in tempo reale i movimenti cinematografici dell’Estremo Oriente, documentando una realtà artistica e produttiva che non ha eguali in nessuna altra parte del mondo!

Il 2011, e la selezione lo testimonia, mostra un’ulteriore speranza per il cinema orientale. La fine dell’anno ha visto il pubblico cinese, coreano, hongkonghese e taiwanese ritornare ai film nazionali (anche se “nazionale”, qui, va inteso nel senso più largo). I territori asiatici non sono mai stati così consapevoli della loro vicinanza, e hanno dimostrato di darsi l’un l’altro nuova vitalità. La scelta dei 50 titoli in concorso (sui 450 visionati dal team di selezionatori) testimonia un altro elemento positivo: un livellamento verso l’alto – i termini di qualità – dei prodotti che arrivano dalle cosiddette cinematografie minori. Le Filippine, la Malesia e in parte l’Indonesia si avvicinano nei loro valori produttivi e di ricerca artistica e stilistica alle fisionomie delle cinematografie più ricche e potenti quali quelle del Giappone e della Corea del Sud che continuano a fare la parte del leone (con Hong Kong che è in netto recupero). Su tutte, troneggia la Cina. E la tredicesima edizione del Far East Film, non a caso, si apre e si chiude all’insegna dei nuovi film cinesi. Quella della Mainland China è oramai, a differenza di quanto accadeva nei primi anni del festival, una cinematografia sempre più matura e competitiva, sempre più rappresentata all’interno del programma e capace di valorizzare e lanciare a livello internazionale autori che si affiancano ai nomi ultranoti come Zhang Yimou. Il celebre regista è presente – per la prima volta – nella selezione con Under the Hawthorn Tree che segna uno dei sui periodici ritorni ad un cinema semplice (ma non semplicistico) dopo i fasti dei suoi ultimi film di cappa e spada. Il film è tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice Ai Mi e affronta il ricordo della Rivoluzione Culturale.

Il Far East Film sosterrà con una raccolta di fondi gli amici giapponesi colpiti dal tremendo terremoto con l’iniziativa FEFF FOR JAPAN. Guido Scarabottolo ha disegnato il logo della campagna di raccolta fondi; il logo caratterizzerà le borse del Festival. Il ricavato delle vendite sarà devoluto alla Civic Force giapponese impegnata con aiuti concreti alle popolazioni del nord. A dare spessore alla campagna di sostegno ci sarà una breve dichiarazione del coach Alberto Zaccheroni, allenatore della Nazionale nipponica di calcio e vincitore della Coppa d’Asia.

Nasce inoltre il Gelso d’Oro, il premio che eredita il prestigio del leggendario Audience Award assegnato dal pubblico al migliore film in concorso. Nel Palmares, oltre al Gelso d’Oro, per il film che avrà conquistato maggiore gradimento tra i 50 in concorso, ci saranno anche i Gelsi per il secondo e terzo posto e il Gelso Nero, conferito dalla giuria composta dagli accreditati Black Dragon. A chiudere la rosa dei riconoscimenti, il Gelso d’Oro alla Carriera che verrà attribuito dal comitato scientifico del Far East Film Festival all'attore, regista o produttore che nel corso della propria carriera si sia distinto per qualità ed eccellenza nel panorama del cinema popolare asiatico.

 

WEB: www.fareastfilm.com

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU