Home

Davide Manuli: il successo di Beket e un nuovo film in cantiere
Scritto da Redazione   
Friday 27 March 2009

Anticipazioni Mentre continua inesorabile la marcia di Beket alla conquista di premi internazionali, il regista Davide Manuli trova la spinta per pensare al suo prossimo film: La leggenda di Kaspar Hauser re dell’Asinara. Nel cast: Vincent Gallo.

 

Dopo Beket, che sta riscuotendo premi e successi nei maggiori festival internazionali, Davide Manuli pensa al suo prossimo film, già in fase di preparazione e ora solo in attesa di ricevere i finanziamenti pubblici. Tutto incentrato sul personaggio leggendario di Kaspar Hauser, il film sarà una rilettura di quell’enigma che tanto affascinò studiosi, scrittori e registi del mondo intero da un secolo ad oggi. Il film, dal titolo La leggenda di Kaspar Hauser re dell’Asinara, avrà un cast internazionale, peraltro già confermato, con attori quali Vincent Gallo, Denis Lavant, Ivan Franek, accanto a Alba Rohrwacher, Fabrizio Gifuni e Simona Caramelli.

“La scrittura di questo mio secondo lungometraggio – dice Davide Manuli – nasce dalla volontà di continuare la linea poetica intrapresa con Beket volendone mantenere lo stesso filo conduttore. Si potrebbe dire che la mia versione di Kaspar Hauser prenda letteralmente il testimone da Beket. Gli elementi di vicinanza tra i due film sono tanti: la scelta di una fotografia in bianco e nero, la Sardegna e l’isola dell’Asinara col suo paesaggio isolato e desolato, l’assenza di umanità e civiltà, i pochissimi personaggi e l’affrontare delle tematiche universali”.

"Mi piace molto - continua Manuli – l’idea di rimetter mano a Kaspar Hauser 35 anni dopo Werner Herzog. Nel mio caso si tratta di una rivisitazione molto personale e originale della storia di Hauser divenuta un mito nel tempo. Io vorrei affrontarla mettendo in rilievo gli elementi archetipi ed esaltando il valore poetico della vicenda. La mia riscrittura di Hauser vuole insistere sul fatto che non ha senso prendere la vicenda per come è accaduta davvero alla luce dei pochi elementi a disposizione, ma al contrario ha più valore re-interpretarla in chiave poetica. Per fare questo – sottolinea Manuli – stavolta avremo bisogno di un sostegno da parte dello stato perché se non otterremmo i finanziamenti pubblici in fretta non sarà facile trattenere attori della grandezza di Gallo e Lavant oltre questa estate, viste le forti richieste che hanno sulla loro agenda di lavoro.”

Il film sarà girato interamente sull’isola dell’Asinara in Sardegna. Confermato anche il team produttivo del precedente Beket con i co-produttori di Blue Film Alessandro Bonifazi e Bruno Tribbioli.

 

BEKET NEL MONDO

Per Davide Manuli e il suo BEKET, già “Premio della Critica indipendente” al 61° Festival di Locarno, continua inesorabile la marcia alla conquista dei Festival Internazionali che lo invitano e vogliono il suo film. Invisibile in Italia e destinato al circuito indipendente, BEKET, sta però, raccogliendo consensi in alcuni tra i più interessanti Festival indipendenti a livello internazionali. Di rientro dal Miami International Film Festival, Manuli si è aggiudicato la menzione speciale della Giuria al “Cutting the Edge Award”: Premio per il miglior film d’avanguardia. “Forse Beket è un film insolito e controcorrente per essere un film italiano e credo che questo sia l’elemento che incuriosisce all’estero. E’ incredibile - dice Davide Manuli rientrando da Miami – perché il mio film, distribuito in Italia con tutta la fatica che comporta un film indipendente, ottiene però l’attenzione dei maggiori festival internazionali, in questo modo sto facendo conoscere il mio cinema all’estero. Speriamo che tutto questo possa servire in Italia, a farci notare per le candidature dei David di Donatello.” Dopo Miami sarà la volta del Tiburon International Film Festival di San Francisco. Infine BEKET andrà alla rassegna 8 1\2 - Festa do cinema italiano di Lisbona curata da Stefano Savio, ed in concorso in Sud Africa al Cape Winelands Film Festival, sarà inoltre al Festival Internazionale del Cinema dell’Uruguay e all’Atlanta Film Festival. Mentre a fine maggio sarà in concorso al Mediterranean Film Festival di Spalato in Croazia e a giugno al SBFF Swansea Bay Film Festival in Inghilterra.

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU