Home

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '877' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'877\'\n AND `published` = \'1\'
Incontri d'attore: Tomas Arana (intervista esclusiva)
Scritto da Edoardo Favaron   
Tuesday 16 November 2010

Quattro chiacchiere con l'attore statunitense (ma italiano d'adozione) Thomas Arana. Nel suo curriculum c'è tanto cinemabis di casa nostra ma anche tanta Hollywood. Tra i suoi film: La chiesa, Il Gladiatore, Body puzzle, Tombstone, Panama Sugar

 

Tomas Arana, nato in California il 3 Aprile 1955, è un attore incredibile e versatile che ha girato film in mezzo mondo, soprattutto in Italia (suo paese d’adozione) e negli Stati Uniti. Una faccia da “duro”, capace di passare con disinvoltura da La Chiesa di Michele Soavi a Tombstone di George P. Cosmatos, da Branchie con Gianluca Grignani a Il Gladiatore con Russel Crowe, passando attraverso Io e mia sorella di Verdone, Pearl Harbour di Michael Bay e Body puzzle di Lamberto Bava. Di tutto di più. Di seguito un botta e risposta con Tomas Arana, che ci ha permesso di ripercorere la sua carriera e la sua filmografia.
WEB: www.tomasarana.com

 

Intervista a Tomas Arana

 

 

Partiamo dall'inizio della tua lunga e importante carriera. È vero che hai fatto un piccolo ruolo in Giallo napoletano di Sergio Corbucci?
Si, era il mio secondo film. Facevo la parte del marito di Ornella Muti, il primo di tre film che abbiamo fatto insieme...

Come mai ti sei trovato in Italia a fare l'attore, quali coincidenze ti hanno portato sui set di Cinecittà?
Ho studiato recitazione classica all’American Conservatory Theatre in San Francisco, che è una delle migliori scuole negli Stati Uniti. Quando sono venuto in Europa per la terza volta, come turista, attraverso Romolo Valli e Dino Trappetti ho conosciuto Lucio Amelio, il grande gallerista d'Arte, che mi ha offerto un lavoro nella sua galleria a Napoli. Lui era amico di Lina Wertmuller, che a sua volta mi ha offerto un ruolo nel suo Fatto di sangue...

Negli anni Ottanta hai recitato in numerose pellicole italiane e hai avuto anche un ruolo brillante in Io e mia sorella di Carlo Verdone...

Si, lavorare al film di Verdone è stato un piacere, e mi sono trovato di nuovo al fianco di Ornella Muti, sempre nel ruolo di suo marito. Era il mio primo film dopo tanti anni di teatro con la compagnia Falso Movimento (ora diventato Teatri Uniti). Nella compagnia c'erano Mario Martone come direttore artistico, Licia Maglietta, Andrea Renzi, Angelo Curti, Pasquale Mari, Daghi Rondanini e Lino Fiorito. Io facevo l'attore e anche il produttore della compagnia.

 

(Tomas Arana in La Chiesa)

 

Uno dei tuoi ruoli più memorabili è quello di Evan ne La chiesa di Michele Soavi. Il film è un ottimo horror a sfondo demoniaco che ancora oggi regala una buona dose di suspense. Che ricordi hai del film e della lavorazione?
Michele Soavi ed io abbiamo fatto due film insieme, il lavoro al suo fianco era sempre molto creativo. I film horror mi fanno paura, ma allo stesso tempo mi piace molto farli. La fantasia e il concetto astratto sono molto stimolanti.

Due anni dopo sei tornato a lavorare per Soavi ne La setta. Il tuo personaggio è inquietante ed è una perfetta nemesi dell'indifesa e virginale Kelly Curtis. Come hai costruito il personaggio? Ti sei ispirato ad eventi di cronaca (per esempio Charles Manson)?
Michele voleva un chiaro riferimento a Charles Manson e io ero d'accordo. È importante cercare di creare personaggi veri e umani quando si parla di un mostro... come Hitler, è importante interpretarlo come un essere umano. Bisogna ricordare al pubblico che esistono veramente questi mostri e che sono degli uomini, anche se nell’accezione peggiore del termine.

Parlami di Alfonso Brescia, che ti ha diretto nel thriller Sapore di morte...
Con Alfonso ho fatto due film, era una persona molto simpatica. Sul set diceva sempre: “master, contro campo e primo piano”. Super semplice come tecnica del cinema. Comunque era bravo, ultra professionale ed era un piacere lavorare con lui. Facevo tutti i miei stunt da solo, sotto la direzione di Ottaviano Dell'Acqua, che nel film interpreta anche il cattivo. Un grande cascatore.

 

 

In Panama Sugar hai lavorato con Oliver Reed. Come si comportava sul set? Ha dato prova del suo leggendario carattere?
È stato molto gentile con me sul set di Panama Sugar: mia madre è morta mentre giravo il film e Oliver mi ha confortato molto. Beveva un doppio Scotch di mattina alle undici, mentre io bevevo un doppio espresso! Con Oliver ho fatto anche Il Gladiatore, ma purtroppo è morto durante il film. Sul posto di lavoro era molto bravo e simpatico, ma fuori dal set, quando beveva, era un uomo piuttosto difficile: voleva sempre fare a botte…

Hai lavorato più volte con Lamberto Bava, per esempio nel thriller Body puzzle. Era particolarmente esigente con voi attori?
Aveva sempre idee molto creative e ci lasciava ampia libertà per creare i personaggi. Lamberto è un grande regista, gli voglio molto bene. E poi è nato il mio stesso giorno, il 3 aprile!

Uno degli ultimi film italiani che hai girato è stato Last Cut - ultimo taglio di Marcello Avallone. In questo thriller realizzato per l'homevideo reciti al fianco di Helmut Berger e di John Savage. Che ricordi hai di questi due attori?
John Savage è molto gentile e simpatico, con una voglia di parlare di tutto quello che succede nel mondo, è super intelligente. Helmut Berger invece era un po' antipatico...

Puoi dirci qualcosa su Out of control un film quasi inedito diretto da Ovidio G. Assonitis a cui hai partecipato?
Un progetto orribile, ma mi piaceva il personaggio e mi sono divertito....

Parlaci di Branchie, con il cantante Gianluca Grignani…
Branchie l’abbiamo girato a Genova e in India, a Chennai. È stata una bella esperienza, non ero mai stato in India prima di allora. Lo ricordo come un periodo molto pieno. Ho finito di girare il film verso l’una di mattina, di domenica 31 gennaio (1999), sono andato in hotel a fare le valigie e poi sono andato all'aeroporto. Alle cinque ho preso il volo della British Air per Heathrow, dove un autista mi ha portato agli Shepperton Studios per l'ultima prova costume de Il Gladiatore. Poi, con Russell Crowe, sono andato in ufficio da Ridley Scott: noi tre, da soli, abbiamo fatto le prove per la prima scena del film. Dopo circa un'ora, sono andato al mio hotel a Londra. La mattina dopo, alle quattro e trenta, l’autista mi ha portato sul set e abbiamo cominciato a girare Il Gladiatore.

 

 

Veniamo ora alla tua carriera americana. Uno dei primi ruoli importanti a Hollywood è stato nel film Bodyguard, dove reciti al fianco di due superstar come Kevin Costner e Withney Houston, all'epoca al top della fama...
Whitney era gentilissima, simpatica e molto semplice. Parlo di molto tempo prima dei suoi problemi tristemente noti. Anche Kevin è gentile e "down to earth". Ricordo che durante le riprese ho avuto un’orribile appendicite, con peritonite ed emorragie interne e sono quasi morto l'ultima settimana di lavoro. Nella prima scena del film infatti sono sudato: in quel momento la mia appendice stava esplodendo! La mattina dopo mi hanno dovuto portare all'ospedale di Miami…

Cosa ti ricordi di Tombstone, western old style? Come ti sei trovato a lavorare con grandi star come Kurt Russell, Charlton Heston e Val Kilmer?
Un esperienza delirante, con un Kurt Russel super professionale. Siamo stati a giocare ai cowboy per tre mesi nel deserto dell'Arizona!

Raccontaci dell'esperienza sul set di L.A Confidential, capolavoro hard boiled di Curtis Hanson. Quanti giorni sei stato sul set?
L.A Confidential è stato il mio primo film con Russell Crowe. Sono stato quasi un mese sul set. È un film con una forte atmosfera anni ’50, molto vicina al ricordo che mi porto dietro fin da bambino.

Lo scrittore James Ellroy, autore del romanzo da cui il film è tratto, era presente durante le riprese?
Si, è venuto a trovarci sul set e ci ha regalato dei libri. Un personaggio!

Uno dei ruoli più memorabili della tua carriera è quello di Quintus ne Il Gladiatore
Nel cinema, è stata la mia esperienza preferita: un grande film, una grande esperienza di lavoro e un’atmosfera magica fin dal primo giorno. A proposito, abbiamo girato quasi il 90% del film in ordine cronologico, una cosa mai fatta...

Come si comportava Russell Crowe sul set?
Russell è un attore super preparato, dà la sua anima al ruolo e al film. Non ci sono attori come lui, è un grande uomo. Non credere a tutte le cose che leggi di lui sui giornali: è molto dolce e generoso.

 

(Tomas Arana ne Il Gladiatore)


Hai anche recitato in Pearl Harbour. Sembra che tu sia stato un portafortuna per due dei maggiori incassi al box office americano...
Si, ma Pearl Harbor è un film stupido con una trama imbecille. Ho avuto la fortuna di fare molti film dai grandi incassi, ma Pearl Harbor... mi vergogno d'averlo fatto.

Parlaci della tua esperienza in Derailed, con Jean Claude Van Damme. Il tuo personaggio è un bad guy classico e il film sembra ispirarsi a Trappola sulle montagne rocciose con Seagal. Ho trovato la tua recitazione una delle cose migliori del film..
Si, mi sono divertito molto ad interpretare un personaggio cosi...

Com'è stato lavorare con Van Damme?
Molto simpatico, bravo e professionale. Mi ha insegnato molto sugli stunt e su come lottare.

Un altro tuo ruolo riuscito e memorabile è Martin Marshall in The Bourne supremacy, uno dei migliori action movies del Duemila. È stato facile integrarti con il particolare stile di regia di Paul Greengrass?
Paul è un regista che ama gli attori e non gira mai nulla prima di aver provato, riprovato e discusso. Un grande regista.

 

(Tomas Arana in Defiance)

 

Negli ultimi anni hai alternato ruoli in grandi produzioni come Defiance a partecipazioni direct to videos come Bats 2 e The Hillside strangler, ma in ogni occasione sei sempre riuscito a creare delle interpretazioni convincenti. Questo dimostra un tuo grande eclettismo...
Se vuoi fare l’attore devi saper fare tutti i tipi di film. Mi piacevano molto i due personaggi di Bats 2 e Hillside.

Negli States hai lavorato molto anche in tv. Per esempio in Walker Texas Ranger e 24?
Amo i film di spionaggio, leggo tutti i libri e guardo tutti i film di 007. Quindi per me è stato fantastico lavorare in 24. Per quanto riguarda Walker Texas Ranger, con Chuck Norris mi sono trovato benissimo.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Ho un film che esce l'anno prossimo, The Dark Fields, regia di Neil Burger con Bradley Cooper, Abbie Cornish e Robert De Niro. Un progetto affascinante a cui tengo molto. La trama è particolare, speriamo che venga fuori un bel film!

 

 

INTERVISTA A CURA DI EDOARDO FAVARON

 

 

 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '46' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'46\'\n AND `published` = \'1\'

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '48' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'48\'\n AND `published` = \'1\'

Cinema Bizzarro

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments` WHERE `contentid` = '43' AND `published` = '1'Table \'jos_easycomments\' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT count(*) FROM `jos_easycomments`\n WHERE `contentid` = \'43\'\n AND `published` = \'1\'

Ultimi commenti

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6

Chi e' online

Abbiamo 2 visitatori online