Home

Calibro 35: Il suono violento della legge
Scritto da Angelo Santini   
Thursday 20 October 2011

In Breve: Dopo aver parlato di cinema poliziottesco, non potevamo non dedicare un piccolo spazio ai mitici Calibro 35, band tra le più interessanti dell'odierno panorama musicale italiano. Per quei pochi che ancora non li conoscono....

 

Il poliziottesco è un genere cinematografico nato in Italia negli anni settanta (e morto una quindicina di anni dopo). Una delle differenze sostanziali tra un poliziottesco e un semplice poliziesco (o un noir) è l’uso smodato della violenza. I protagonisti sono quasi sempre antieroi, tutori delle legge fascisti e razzisti, che spingono il pubblico a identificarsi spesso nei “cattivi”. Questo meccanismo di ribaltamento e liberazione è tipico. Accusati di fascismo, qualunquismo e giustizialismo, film del genere sono stati rivalutati solo negli ultimi anni, dai vari “Tarantino”, che ne hanno tratto fonte di ispirazione. Ma c'è un altro particolare che rende i poliziotteschi così “diversi”: le strepitose colonne sonore...

 

 

I Calibro 35 nascono più di trent’anni dopo, sempre in Italia, a Milano. La formazione comprende: Massimo Martellotta alle chitarre e alle lapsteel, Enrico Gabrielli su organi e fiati, Fabio Rondanini alla batteria, Luca Cavina al basso elettrico e Tommaso Colliva ai controlli in regia. Lo scopo della band è proprio quello di riprodurre le sonorità tipiche dei film poliziotteschi e degli action thriller italiani. In questo, i Calibro 35 riescono perfettamente, tanto da diventare abbastanza noti anche all’estero.

Curano l’intera colonna sonora dei film Said, co-produzione italo spagnola, e Eurocrime, documentario americano sui film polizieschi italiani. Mentre nel 2010, compongono alcuni brani per La banda del brasiliano (John Snellinberg), Red (Robert Schwentker) e Vallanzasca, Gli Angeli Del Male (Michele Placido). Sempre nel 2010 partecipano al Nova Rock Festival in Austria e aprono il concerto dei Muse allo stadio San Siro di Milano. Sito ufficiale: www.calibro35.com

 

 

Discografia (Album)

 

Calibro 35
Nel 2007 esce il primo album, intitolato semplicemente "Calibro 35". Il progetto sembra chiaro già da subito: cercare di far proprio, attraverso brani originali, il repertorio delle soundtrack italiane, rimanendone al contempo fedeli. Le melodie sono caratterizzate da organi distorti, chitarre fuzz e bassi ipnotici. Il gruppo raggiunge da subito un discreto successo radiofonico, sia in Italia che nel resto d’Europa (il brano Notte in Bovisia è diventata la sigla di Radio Due Live).

 

Tutta Donna (con Georgeanne Kalweit)

 

 

Ritornano quelli di…
Il 19 febbraio 2010 esce il secondo album, pubblicato da Ghost Records e, nel luglio dello stesso anno, il disco viene pubblicato anche in Inghilterra e negli Stati Uniti. L’album rappresenta l’effettiva consacrazione dei Calibro 35, che a settembre ricevono il premio KeepOn come Miglior Live Band italiana. Le sonorità sono le stesse del primo disco; Ritornano quelli di… contiene inoltre alcune cover tratte da pellicole italiane degli anni settanta (Milano odia, Il consigliori, 5 bambole per la Luna d’Agosto).

Milano Odia: La Polizia Non Puo' Sparare

 

 

Rare
Nel dicembre del 2010, in contemporanea con gli Stati Uniti, esce Rare, una raccolta di cover, b-side e colonne sonore realizzate dal gruppo nei suoi primi tre anni di attività.

Uomini si nasce calibro si muore

 

 

A cura di Angelo Santini

 

» Nessun commento
Non ci sono commenti fino ad ora.
» Invia commento
Email (non verrà pubblicata)
Nome
Titolo
Commento
 caratteri rimanenti
 
< Prec.   Pros. >

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU