Home Humour & vaneggiamenti Ladri di saponette

Ladri di saponette Ladri di saponette
Categoria Humour & vaneggiamenti
Tipologia Lungometraggio
Genere Commedia, Fantastico
Parole chiave Televisione, Settima arte, Film nel film

Regia: Maurizio Nichetti
Cast:
Maurizio Nichetti, Renato Scarpa, Lella Costa, Ernesto Calindri, Caterina Sylos Labini
Sceneggiatura Maurizio Nichetti, Mauro Monti
Colonna Sonora Franco Godi, Manuel De Sica
Anno: 1989
Nazione: Italia
Durata: 90 minuti
In breve:
Il primo film a interrompere la pubblicità, ovvero: consigli per salvare un film dagli acquisti.
Visite: 3389

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: fresco e imprevedibile
Ritmo: bene
Humour: sopra le righe

Recensione:

Consigli per salvare un film dagli acquisti.

La vicenda si muove su diversi piani. C'è un film nel film, c'è un programma televisivo che introduce il film nel film, c'è una famiglia che segue il programma televisivo e c'è la pubblicità che finirà per creare uno spassoso pasticcio.

Tutto inizia con Nichetti che interpreta se stesso. Dopo aver ceduto la sua ultima fatica alla tv per un passaggio in prima serata, si troverà nei guai: la pubblicità (che all'inizio interrompe soltanto) si fonde con il film, generando un ibrido senza senso. Il regista dovrà entrare nella sua opera per rimettere le cose a posto.

In Ladri di saponette c'è un po' di tutto: quella della critica alla tv è solo una - la più evidente - delle letture possibili. Troviamo una riflessione sui vizi del consumismo (la famiglia teledipendente e i desideri materiali dei personaggi del film nel film), un omaggio al neorealismo (il metafilm ricalca Ladri di bicilette) e, forse, una ricerca sul linguaggio cinematografico (la vicenda si articola su diversi piani narrativi). Ma il film è soprattutto una commedia trasognata e fantastica che si lascia guardare col sorriso e affascina per la vivacità della sua intelligenza. Oltre a godere del vanto di essere “il primo film a interrompere la pubblicità”, Ladri di saponette è anche il primo film che non può essere interrotto dalla pubblicità (quella vera): immaginate l’effetto comico involontario? Più efficace di mille polemiche. (Daniele 'Danno' Silipo)

Da notare– L’autocitazione di Ho fatto splash!

Perché su Bizzarro– Un’opera felice dall’ingegno fresco e dai risvolti imprevedibili.

Film (più o meno) simili: Stefano Quantestorie (1993), Il pap'occhio (!980)

NOTE:

Edizione italiana: fuori catalogo

Premi principali: Gran Premio al Festival di Mosca nel 1989

Scheda del film a cura di: Daniele 'Danno' Silipo


1 Commento

Autore Commento
Keischa public liability insurance broker lkulwr most inexpensive car insurance california 20974 accutane 9534 Florida cheap california auto insurance 896 cialis ztx
Commento inserito : Mon 12-08-13
Billybob auto insurance quotes Florida >:(( caravan insurance tourer >:-[ online college sbg Car Insurance quote 84015 price bcdvvs buy brand Cialis online %-OO adkins texas accutane legal vryf
Commento inserito : Sat 10-08-13


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU