Home Inclassificabili Occhio dietro la parete, L'

Occhio dietro la parete, L' Occhio dietro la parete, L'
Categoria Inclassificabili
Tipologia Lungometraggio
Genere Thriller, Erotico
Parole chiave Voyeurismo, Sadismo

Regia: Giuliano Petrelli
Cast:
John Phillip Law, Fernando Rey, Olga Bisera
Sceneggiatura Giuliano Petrelli
Anno: 1977
Nazione: Italia
Durata: 85 minuti
In breve:
Una delle opere più strane e singolari del cinema di genere italiano che fu
Visite: 3389

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: alieno
Ritmo: autarchico
Brividi: ancestrali
Erotismo: in quantità
Violenza: psicologica e non solo

 

Recensione:

Lo sguardo (in)discreto della borghesia

Attore per Lattuada, Vancini e Di Leo, Giuliano Petrelli (alla sua prima ed unica prova registica) elabora una vicenda dai toni fortemente morbosi e decadenti, volutamente criptica, considerabile a tutt’oggi una delle opere più strane, ineguagliabili e singolari del grande cinema di genere italiano che fu.

Lo scrittore Ivano è rimasto paralizzato dopo un terribile incidente automobilistico in cui ha perso la vita suo figlio. Ora Ivano vive insieme alla giovane Olga e ha preso l’abitudine di spiare con un sofisticato sistema di sorveglianza gli inquilini dell’appartamento adiacente, che lui stesso affitta. Quando Arturo, il nuovo inquilino, mostra di essere aperto ad eccentriche pratiche sessuali, Ivano decide di mandare Olga tra le braccia dell’ospite per placare la sua morbosa curiosità di voyeur. Ma Arturo nasconde un tremendo segreto...

Colpevole secondo molti di lungaggini narrative e goffi intellettualismi (presenti soprattutto nei dialoghi di Fernando Rey/Ivano), L’occhio dietro la parete è meritevole al contrario di un’attenta riconsiderazione critica, al pari di titoli affini – con i dovuti distinguo, ovvio – di autori come Renato Polselli, Alberto Cavallone o Sergio Bergonzelli. Più che una pellicola sarebbe opportuno riferirsi ad un’esperienza filmica, frutto di una riuscita, forse involontaria coesione fenomenica: innanzitutto le atmosfere stranianti degli interni, avvolte da un disturbante senso di morte, contraddistinte da sfacciatissime scenografie barocche.

Nondimeno identificano le atmosfere le eccellenti partiture musicali del maestro Pippo Caruso, miscela suadente di sperimentazioni elettroniche ed avanguardia. Chiude il cerchio l’incisivo cast artistico, che spazia dal cerebrale Rey al fragile bisex John Phillip Law, passando per la bellezza arcana di Olga Bisera, il cui fascino predomina più volte sull’intera vicenda. Il colpo di scena finale, per quanto semplice, spiazza autenticamente lo spettatore e chiude con invidiabile coerenza una pellicola che ha fatto della deviazione e del patologico il suo motivo portante. Nel suo genere, un piccolo incanto cinematografico da riscoprire. (Jacopo Coccia)

 

Da notare- Al momento non esiste una versione DVD della pellicola. Il film ha conosciuto solo due edizioni (tagliate di svariate scene) in VHS, prima per la GVR e poi per la Avo Film.

Perché su Bizzarro- Giallo all'Italiana davvero anomalo ed unico nel panorama produttivo del periodo.

Film (più o meno) Simili: Il Saprofita (1974) di Sergio Nasca

 

Estratto

 

NOTE:

Edizione italiana: fuori catalogo

 

Scheda del film a cura di: Jacopo Coccia


Non sono presenti Commenti


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU