Home Auteurs & raffinatezze Fellini Satyricon

Fellini Satyricon Fellini Satyricon
Categoria Auteurs & raffinatezze
Tipologia Lungometraggio
Genere Grottesco, Fantasy
Parole chiave GLBT, Mitologia

Regia: Federico Fellini
Cast:
Martin Potter, Capucine, Fanfulla, Hiram Keller
Sceneggiatura Bernardino Zapponi, Federico Fellini, Rodolfo Sonego
Colonna Sonora Andrew Rudin, Ilhan Mimaroglu, Nino Rota, Tod Dockstader
Anno: 1969
Nazione: Italia, Francia
Durata: 135 minuti
In breve:
Guardare il Fellini Satyricon equivale a scoprire le radici del cinema onirico e surreale moderno
Visite: 5477

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: magniloquenza decadente
Ritmo: impegnativo
Humour: non per tutti
Erotismo: il nudo abbonda
Violenza: non mancano scene forti

Recensione:

“Un saggio di fantascienza del passato” (Federico Fellini)

Molto liberamente ispirato all’omonima opera di Petronio, il film racconta le peripezie di Encolpio che, perso il suo amore Gitone, si troverà a girovagare tra banchetti, navi pirata e violenze varie. Addirittura, avrà a che fare con il Minotauro.

Un vortice, per niente lineare, di visioni e suggestioni, in cui si passa da scenari ansiolitici e claustofobici a esplosioni di colore e ‘‘volgarità’. Un supermercato delle immagini a cui molti hanno attinto: guardare il Fellini Satyricon, infatti, equivale a scoprire le radici di buona parte del cinema onirico e surreale moderno; anche di insospettabili come David Lynch, il cui Dune – negli scenari e nelle atmosfere – ricorda non poco i momenti iniziali di questo film.

Le immagini create da Fellini dilagano come spore, si installano nel cervello, soggiacciono nell'inconscio e non vanno più via: risaltano fuori nei momenti più impensati, proprio quando sembrano smarrite. Così, i film di Fellini e il Satyricon in particolare, hanno contaminato il cinema moderno e contemporaneo, generando pargoli eccelsi ma anche imitazioni freddine e puramente estetizzanti. Perché il bello del Satyricon, la marcia in più, sta proprio nel fatto che la sua magniloquenza e la sua ricercatezza formale, vengono continuamente violentate, rosicchiate, sporcate, trattenute verso il basso da espedienti fortemente ‘‘terreni’ e di grana grossa. Come il frequente uso del dialetto, le scorregge e quell’alone sudicio, pauperistico e decadente che, nonostante lo sfarzo visivo, sta sempre dietro l’angolo. C’è un’anima, c’è un vissuto. (Daniele 'Danno' Silipo)

Da notare- La geniale frase di lancio del film: “Roma. Prima di Cristo. Dopo Fellini.”

Perché su Bizzarro- è il film più bizzarro di un bizzarro genio del cinema.

Film (più o meno) simili: La Montagna Sacra [recensione]

Trailer

NOTE:

Edizione italiana: DVD Eagle Pictures

Certificazione: v.m. 14

Opere correlate: tratto dall’opera letteraria latina Satyricon attribuita a Petronio Arbitro

Premi principali: nomination all’Oscar per la miglior regia

Scheda del film a cura di: Daniele 'Danno' Silipo


1 Commento

Autore Commento
JustTix Cialis Ohne Verpackung Priligy Dosage Instructions http://costofcial.com - online pharmacy Where Can I Buy Propranolol Ireland Baclofene Sevrage Citalopram 20 Mg Zithromax Dose Chlamydia cialis Finasteride Online Sicuro Pyridium Best Buy Cheapeast Express Delivery Buy Prednisone 5mg Viagra Tabletten Buy Finasteride Citrate Liquid http://costofcial.com - generic cialis Propecia Online Find Bentyl Merbentyl
Commento inserito : Sat 30-12-17
LarLock Ou Acheter Lioresal Online Viagra Sales cialis Cialis Indonesia
Commento inserito : Wed 22-11-17


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU