Home Humour & vaneggiamenti Cameraman e l'assassino, Il

Cameraman e l'assassino, Il Cameraman e l'assassino, Il
Titolo originale: C'est arrivé près de chez vous

Categoria Humour & vaneggiamenti
Tipologia Lungometraggio
Genere Documentario, Grottesco
Parole chiave Mokumentary, Serial Killer, Parodia

Regia: Remy Belvaux, Andrè Bonzel, Benoit Poelvoorde
Cast:
Benoit Poelvoorde, Jenny Drye, Malou Madou, Willy Vandenbroeck
Sceneggiatura Remy Belvaux, Andrè Bonzel, Benoit Poelvoorde, Vincent Tavier
Anno: 1992
Nazione: Belgio
Durata: 95 minuti
In breve:
La quotidianità di un omicida seriale raccontata da una troupe televisiva...
Soggetto Remy Belvaux,
Visite: 2341

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: mockumentary
Ritmo: incalzante
Humour: grottesco, surreale
Tensione: crescente
Azione: mal di mare da camera a mano.
Violenza: cruda, disturbante

 

Recensione:

La vita quotidiana di un Serial Killer

Una troupe televisiva segue passo passo, nello svolgersi abitudinario della sua giornata feriale, un lavoratore come tanti: un serial killer. L’assassino racconterà sé stesso, i trucchi del mestiere, gli inevitabili imprevisti dietro l’angolo e darà prova della sua dedizione alla causa, costantemente sotto l’occhio attento della telecamera.

Fra i migliori esempi europei di Mockumentary low budget, rappresenta probabilmente uno dei parti più eccentrici dell’industria cinematografica Belga. Se l’intento originario di Belvaux, Bonzel e Poelvoorde era forse quello di colpire lo spettatore, sconcertarlo, scuoterlo nel profondo attraverso la durezza delle immagini e la totale mancanza di morale del suo protagonista, quel che ne viene fuori è un film che offre il meglio di sé attingendo nel grottesco, nell’ironia, trasformandosi in un affresco surreale di una figura poco credibile, ma profondamente affascinante.

Un film diviso in due parti ben distinte, con un episodio centrale a fungere da spartiacque. Lo spettatore viene prima invitato a sedere dalla parte del protagonista, a vivere con lui un’esperienza straniante ma non priva di fascino, a sporcarsi le mani provando un senso di strana soddisfazione, per poi, improvvisamente, prenderne le distanze, scoprirsi nudo di fronte a chi, tutto sommato non aveva mai nascosto di essere un mostro senza “morale”. Lo stile è volutamente scarno, fedelmente ancorato alla realtà, seguendo i dettami di quel “Cinema veritè” che la pellicola cita, omaggia, ma non si trattiene dallo sbeffeggiare a più riprese. Lo stesso protagonista è un killer spietato con velleità filosofiche, un macellaio che vede nella verbosità e nella prolissità un modo per nobilitare la propria “Professione”. Quel che rimane de Il cameraman e l’assassino è un’impareggiabile satira cinefila, un omaggio divertito ad un genere sottovalutato, una sfida allo spettatore e un esercizio di cinema originalissimo, unico nel suo genere. (Enrico Costantino)

 

Da notare- Remy Belvaux abbandonò il cinema all’indomani dell’uscita de Il cameraman e l’assassino morendo suicida nel 2006, a soli 39 anni.

Perché su Bizzarro- Un documentario su un serial killer, c’è da dire altro?

Film (più o meno) Simili: ???

 

NOTE:

Edizione italiana: fuori catalogo

 

Scheda del film a cura di: Enrico Costantino

 

 


1 Commento

Autore Commento
Migucect
Commento inserito : Thu 07-12-17
Migucect Luogo Per Comprare Kamagra viagra Acheter Cialis Sur Paris
Commento inserito : Thu 26-10-17


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU