Home Auteurs & raffinatezze Roma Bene

Roma Bene Roma Bene
Categoria Auteurs & raffinatezze
Tipologia Lungometraggio
Genere Commedia
Parole chiave Satira

Regia: Carlo Lizzani
Cast:
Nino Manfredi, Irene Papas, Umberto Orsini, Philippe Leroy
Sceneggiatura Nicola Badalucco, Edith Bieber, Carlo Lizzani, Luciano Vincenzoni
Colonna Sonora Luis Bacalov
Anno: 1971
Nazione: Italia
Durata: 113 minuti
In breve:
Critica sociale quasi chirurgica, tinta di cinismo sferzante e profonda lucidità
Visite: 5073

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: asciutto e definito
Ritmo: incalzante
Humour: nero
Tensione: strisciante
Erotismo: dosato
Violenza: indistinta e spesso beffarda

 

Recensione:

Roma Decadence

Capolavoro assoluto del maestro Lizzani. Opera che merita, senza dubbio alcuno, tutti i riconoscimenti possibili legati all’eccellenza della settima arte: cast, soggetto, sceneggiatura, regia, scenografia, fotografia e musica in totale simbiosi artistica. Roma Bene confluisce come un fiume in piena verso una critica sociale quasi chirurgica, tinta di cinismo sferzante eppure lucida come in nessun altro titolo del regista.

Tratto dalla pièce Mani aperte sull’acqua di Luigi Bruno Di Belmonte, il film mette in scena il classico salotto alto borghese: una duchessa, il marito industriale e tanti personaggi apparentemente rispettabili. In realtà è una sfilata di tipi squallidi: il barone ladro di gioielli, un arrampicatore sociale senza scrupoli, nobili che inscenano finti rapimenti e tentativi di estorsione, e persino una moglie che arriva a commissionare l’uccisione del marito armatore. Il destino di queste persone sarà la morte, i loro misfatti invece rimarranno senza colpevoli, un commissario di polizia troppo zelante verrà promosso e trasferito.
Facile e scontato comprendere perché, ad oggi, questo lavoro del regista romano abbia conosciuto scarsi passaggi televisivi (l’ultimo risalente a più di dieci anni fa) ed un’unica tremenda edizione in DVD, distribuita nelle edicole all’interno di una collana dedicata all’attrice Michéle Mercier: il film indaga senza pietà (un po’ come il protagonista, il commissario Tartamella) gli ambienti esclusivi della Capitale dove notoriamente, dietro la patina pulita del perbenismo più lambiccato, si celano spesso i peggiori vizi e le più infime derive umane.

Tutto inizia come una commedia brillante, che intreccia sapientemente le esistenze dolci e noiose del parterre incantato. Pian piano le pubbliche virtù cominciano a sgretolarsi, le battute colte del commissario da sarcastiche si fanno più amare e un’aria di morte comincia ad avvolgere tutti i protagonisti più illustri. Il nucleo attoriale del film diverrà esso stesso una vera e propria competizione di bravura tra protagonisti e caratteristi, tutti incredibilmente in parte: Nino Manfredi, Enzo Cannavale (doppiato in veneto), Franco Fabrizi, Mario Feliciani (imprenditore greco, troppo simile ad Onassis) ed Irene Papas (la moglie dell’imprenditore, troppo simile alla Callas), Virna Lisi, Philippe Leroy, Vittorio Caprioli e non ultimo per grandezza Gastone Moschin nei panni del "monsignore". Incredibile constatare come ogni scena di Roma Bene valga da sola cento volte più di un qualsiasi film Italiano contemporaneo di tematica sociale/politica. E inquieta non meno riconoscerne il coraggio e la profonda modernità, che con molta probabilità trovava la sua possibilità d’esistere solo e soltanto in un mercato cinematografico tanto ricco e diversificato, com’era appunto quello dei primi anni ‘70.

Epilogo crudele ma liberatorio per le scellerate vicende dei tanti personaggi in ballo, tanto geniale da essere copiato pedissequamente anni dopo da filmetti di discreto successo come Dead Calm (1989) di Phillip Noyce e Open Water (2003) di Chris Kentis. (Jacopo Coccia)

 

 

 

Da notare- Tratto dalla pièce di Luigi Bruno Di Belmonte, il film riprende in sostanza diversi temi che hanno reso celebre La dolce vita di Federico Fellini.

Perché su Bizzarro- Lizzani è forse l'unico autore italiano ad aver utilizzato il cinema di genere come cassa di risonanza per criticare problematiche, situazioni ed eventi di natura sociale.

Film (più o meno) Simili: San Babila ore 20, un delitto inutile (1976) di Carlo Lizzani

 

Una scena

 

NOTE:

Edizione italiana: fuori catalogo

 

Scheda del film a cura di: Jacopo Coccia


1 Commento

Autore Commento
BillyBor zithromax capsules price: zithromax buy zithromax over the counter uk
https://zithromaxproff.com/# zithromax cost uk
Commento inserito : Tue 30-03-21
Richardnep viagra coupons viagra coupons 75% off generic viagra without a doctor prescription
Commento inserito : Sun 06-12-20
Deannaceart slovak simples go through Cialis next day the meek sufficiency logistic is interpersonal
http://cureforedp.com/#

generic cialis for daily use
order generic cialis online
cheap tadalafil

it seems to be secluded with basso
Meet Locality vak
Passable Plat vak
Close in on Plat vak
Good Put vak
Come across Locality vak
Be met by Locality vak
8d1f9ed
Commento inserito : Fri 13-03-20


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

Cinema Bizzarro

Ultimi commenti

DB function failed with error number 1194
Table 'jos_easycomments' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6