Home Auteurs & raffinatezze Bronson

Bronson Bronson
Categoria Auteurs & raffinatezze
Tipologia Lungometraggio
Genere Drammatico, Grottesco
Parole chiave Biopic, Criminalità, Carcerario

Regia: Nicolas Winding Refn
Cast:
Tom Hardy, Matt King, Kelly Adams, Katy Barker
Sceneggiatura Brock Norman Brock, Nicolas Winding Refn
Anno: 2008
Nazione: Gran Bretagna
Durata: 92 minuti
In breve:
Un pugile mancato, un folle, un criminale, un artista: chi è Michael Gordon Peterson?
Visite: 3294

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: roccioso
Ritmo: dopo il gong, sono botte!
Sangue: diffuso
Tensione: il brivido dell’imprevedibile
Humour: sporco

Recensione:

Voglio una vita spericolata

Un pugile mancato, un folle, un criminale, un violento, un artista: quale tra questi, rappresenta il vero volto di Michael Gordon Peterson? Forse tutti, o forse nessuno. Difficile, se non impossibile, passare al setaccio una mente così estremamente complessa e un’anima così nera e turbata, come quelle del detenuto più noto e spericolato d’Inghilterra, che entra ed esce dalle carceri da quando aveva diciassette anni, e si esalta facendosi pestare a sangue dai secondini di turno. Uno spirito interrotto e irrecuperabile, falciato a metà da un’eterna e costante contraddizione ma, prima di tutto, un uomo in perenne semilibertà, poiché prigioniero di se stesso (più che delle innumerevoli carceri che frequenta da una vita). Più facile - e forse interessante – allora, spostare l’attenzione e il racconto su quello strano personaggio che Peterson si è costruito nel tempo: Charlie Bronson, suo fedele alter ego.

Nicholas Wending Refn, giovanissimo autore magnetico e ‘cazzuto’, non è di certo uno a cui va insegnato il mestiere, ma anzi, è uno di quei registi in grado di apportare novità e sperimentazione anche in un genere abusato come quello del biopic, troppo spesso intento a “mitizzare” (anche laddove il mito non c’è più o, peggio ancora, non c’è mai stato) piuttosto che a restituire un’interpretazione personale e interessante della ‘figura’ prescelta. La forza maggiore di Bronson sta proprio nel coinvolgente sguardo del suo autore: Refn non si è accontentato di riproporre una ‘storia di vita’ (nonostante da sola faccia già il suo porco effetto) ma è andato a posizionare la sua lente d’ingrandimento su uno dei lati più “cinematografici” di questa inverosimile vicenda: il personaggio, e non la persona. Così, ecco animarsi la proiezione mentale che Peterson ha di se stesso, e mentre prende vita, si fortifica sempre di più, raccogliendo al suo interno desideri, speranze, bisogni, ma anche frustrazione e un certo senso di inadeguatezza. Si può capire tanto, forse tutto, di un uomo, dalla visione intima e profonda che questo ha di se. Forte di uno stile magnetico e ricercato - che spesso utilizza cromatismi irrequieti e abbaglianti come elemento decorativo della scena, quasi fosse una tela bianca da squarciare con colori infuocati ed elettrici - e di una spalla eccellente su cui far leva, quale l’eccellente Tom Hardy (che con la sua straordinaria verve e credibilità regala allo spettatore uno dei momenti più alti di interpretazione cinematografica), Refn restituisce allo spettatore un immagine di Peterson a dir poco straordinaria, cogliendo l’aspetto più nascosto e intimo di quest’uomo: la sua “maschera” (d’altronde il titolo stesso del film sembra una dichiarazione d’intenti: Bronson e non Peterson). Scavando a fondo, oltre la superficie delle cose - e quindi oltre la violenza e la follia – si scopre la “maschera” che il detenuto indossa ogni giorno: grazie proprio a questa facciata, il Peterson “uomo” e il Peterson “criminale” escono allo scoperto senza remore, facendosi notare semplicemente per quello che sono. (Alessandra Sciamanna)

Da notare- Per prepararsi al ruolo, il formidabile Tom Hardy ha fatto visita al vero “Bronson” in carcere: cosa si siano detti lì dentro, non è dato saperlo…

Perché su Bizzarro- Molto più di un semplice biopic

Film più meno simili: Arancia Meccanica (1971)

Trailer

NOTE:

Edizione italiana: inedito in Italia

Premi: miglior attore (Tom Hardy) al British Independent Film Awards (2009), miglior film al Sydney Film Festival (2009)

Scheda del film a cura di: Alessandra Sciamanna


1 Commento

Autore Commento
JustTix buy accutane v-drugstore Sildenafil 50mg http://costofcial.com - cialis Levitra Generique Belgique Pharmacie En Ligne Prendre Amoxil Avec Purity Solutions Tadalafil Review Cialis 20 Mg Commenti cialis Buy Xenical Singapore Cheapeast Generic Dutasteride Visa Accepted C.O.D. Tyneside 5mg Cialis Online Canada Propecia Wirksamkeit http://costofcial.com - cheap cialis Cheap Misoprostol Cialis Infarctus Keflex Dose Mg Lb
Commento inserito : Thu 21-12-17
RonSeichRef Discount Cipro Levitra Now Online 60mg Super Active Cialis viagra Amoxicillin Uti Children
Commento inserito : Fri 24-11-17
RonSeichRef Cialis Ciao Viagra Frau Bericht Cheap Femara Without Prescription viagra Viagra Kaufen Mit Paypal Zithromax For Diarrhea Cheap Kamagra Belgio
Commento inserito : Thu 02-11-17
JaonBer 3g3vd5cv4hz4d7vasa

baidu

pojfjsgsl30wbx5nga
Commento inserito : Mon 07-08-17
Jasonamole helvsrphd2173l4aiy

baidu

baidu

w67gcu54657bo3kuir
Commento inserito : Wed 26-07-17
Mkaauplib 29awthluytk5qt30jo

google

google

o5jq8bozi8z3krfgwm
Commento inserito : Tue 25-07-17
CharlesBus wh0cd525141 Atenolol azithromycin 250 mg price sildenafil
Commento inserito : Sun 09-07-17
CharlesBus wh0cd557324 wellbutrin price crestor prozac avodart cymbalta proscar renagel
Commento inserito : Tue 04-07-17


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU