Home B-movie & trasherie Killer Barbys

Killer Barbys Killer Barbys
Categoria B-movie & trasherie
Tipologia Lungometraggio
Genere Horror
Parole chiave Gruppo/banda musicale, Splatter

Regia: Jess Franco
Cast:
Santiago Segura, Mariangela Giordano, Aldo Sambrell, Silvia Superstar, Charlie S. Chaplin
Sceneggiatura Jess Franco
Anno: 1996
Nazione: Spagna
Durata: 87 minuti
In breve:
Spogliarelli, location improbabili, primi piani di fantocci grotteschi, il tutto condito da Jess Franco
Visite: 5164

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: approssimativo
Ritmo: soft-punk
Humor: inevitabile
Brividi: per l’imbarazzo
Erotismo: donnine nude e amplessi bizzarri
Violenza: sgozzamenti e amputazioni
Sangue: a secchiate

Recensione:

Musica horroribile

Jesús Franco è un regista dalle molte facce e dai molti nomi (vedi la varietà di pseudonimi con cui ha firmato le sue più di 180 opere), è un’artista indipendente nell’anima, nello stile e nelle scelte. Non ha mai disdegnato progetti cinematografici suicidi, che non promettono alcunché già prima di nascere: armato di macchina da presa e suppellettili è riuscito quasi sempre a cavare fuori dal buco un maledettissmo ragno peloso, di quelli che è possibile sentirne le zampette arrampicarsi sulla pelle.

Killer Barbys è una pellicola insolita, di quelle a otto zampe, ovvero in pieno stile Jesús Franco. In essa è vivo il legame del regista spagnolo con la musica: nei titoli di testa Franco compare anche come addetto alla “musica siniestra”. Dopotutto, è un abile musicista jazz costretto da bambino a prendere lezioni al conservatorio. Non deve sorprendere però, visto il curriculum dell'autore, che a prevalere su tutto sia il suo amore incondizionato per le donnine che scorrazzano nude e terrorizzate. Nel film, in effetti, il corpo femminile la fa da padrone: c’è una centenaria signora del male che ringiovanisce bevendo sangue umano, una groupie indomita abilissima nel copulare fino allo sfinimento e, soprattutto, la giunonica Flavia (interpretata da Silvia Superstar, frontwoman del gruppo punk-rock dei Killer Barbies) che per quasi tutto il tempo indossa solo lo stretto necessario. La trama del film vuole che i Killer Barbies, invece di raggiungere l’ennesima tappa del loro tour musicale, si trovano a percorrere una strada che li porta dritti al castello di una contessa bisognosa di nuova linfa vitale. Il resto dello spettacolo, prima che degeneri in una mattanza sanguinolenta, è un alternarsi di spogliarelli, location improbabili, primi piani di fantocci grotteschi, il tutto condito con qualche marchetta ai brani del gruppo (molto noto in Spagna).

L’arte dell’approssimazione, applicata al cinema, produce nello spettatore strane sensazioni che il più delle volte sono figlie dell’irritazione. Eppure, di tanto in tanto, può accadere di imbattersi in squallidi monili, di una distorsione tale che il difetto veicola valori propri dell’arte grezza, senza indurre per forza alla cieca adorazione. Questo è il caso di Killer Barbys, dove Jesús Franco ha sfiorato l’apice dell’approssimazione, di cui è un espertissimo manipolatore: mai come in questo film la nebbia è stata così posticcia, la ridondanza così invadente (con inquadrature e pezzi della colonna sonora riciclate a distanza di pochi minuti) e la messa a fuoco così incerta. Il cast poi, non aiuta certo a elevare la sorte del film: nonostante la presenza di Santiago Segura (onnipresente nei film di De la Iglesia, assiduo in quelli di Del Toro), bisogna attendere seni al vento e sfregamenti di cosce per apprezzare il talento degli attori, fermo restando che i ruoli principali sono assegnati ai membri del gruppo musicale Killer Barbies, cosa che non da adito a recriminazioni.

Franco riesce dunque a dar forma a una modesta pellicola di puro intrattenimento, e potrebbe capitare pure che a fine visione ci si trovi a canticchiare la canzone dei titoli di testa “In the water”, dei Sexy Sadie. Nel 2002 è stato realizzato un sequel (sempre da Franco) Killer Barbys vs Dracula: difficile immaginare cosa accadrebbe se Dracula si innamorasse di Silvia Superstar. (Roberto Fontana)

 

Da notare- Il nome del gruppo Killer Barbies è stato storpiato in Killer Barbys perché la Mattel a quanto pare non gradiva il riferimento alla sua bambola di punta.

Perché su Bizzarro- Clifford Brown, Franco Manera, Lulú Laverne, Rosa Maria Almirall: comunque lo si conosca, Jesús Franco è uno dei cineasti più insoliti di sempre.

Film (più o meno) simili: Killer Barbys vs. Dracula (2002)

 

NOTE:

Edizione Italiana: Fuori catalogo

Film correlati: seguito da Killer Barbys vs. Dracula (2002)

 

Scheda del film a cura di: Roberto Fontana


1 Commento

Autore Commento
Deannaceart Where to buy generic viagra sulfadiazine (SilvadeneР’) concept РІ Extenuating the Buy cialis discount slovak simples go through
http://sildenafiltotake.com/#

generic viagra cialis
cialis buy online cheap

the quieter syllable the discoloured to of the completive: "I don't despise we did start pursuit
Forgather Site vak
Ethical Locality vak
Gain Locality vak
Nobility Site vak
bc6f256
Commento inserito : Fri 13-03-20
Johnette cheap auto insurance IN ioiuis car insurance quotes uolzrb cialis pris 926 free online auto insurance quotes in Florida Burlington =DDD accutane for sale in us 249098 cheap auto insurance shupy car insurance free quotes %OOO
Commento inserito : Mon 12-08-13


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU

 

 


 

Cinema Bizzarro

Ultimi commenti

DB function failed with error number 144
Table './bizzarrocinema/jos_easycomments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed SQL=SELECT eco.`id`, eco.`contentid`, eco.`comment`, ct.`title` as ct_title FROM `jos_easycomments`as eco INNER JOIN `jos_content` AS ct ON ct.`id` = eco.`contentid` WHERE eco.`published` = '1' ORDER BY eco.`date` DESC LIMIT 6