Home Inclassificabili Party monster

Party monster Party monster
Categoria Inclassificabili
Tipologia Lungometraggio
Genere Drammatico
Parole chiave Droghe, Ritratto generazionale

Regia: Fenton Bailey, Andy Barbato
Cast:
Macaulay Culkin, Seth Green, Chloe Sevigny, Marilyn Manson
Sceneggiatura Fenton Bailey, Andy Barbato, James St. James
Anno: 2003
Nazione: Usa, Olanda
Durata: 98 minuti
In breve:
La scena underground della New York anni '90: feste alla moda, droghe e ambiguità sessuale
Visite: 2994

Il Film


CARATTERISTICHE DEL FILM:

Stile: veloce ed iperbolico
Ritmo: incessante
Humour: tagliente
Tensione: sottopelle
Emozione: nostalgica
Erotismo: glamour

 

Recensione:

Money, Success, Fame, Glamour!

Se con l'etichetta biopic si intende liquidare l'opera della coppia Bailey-Barbato (autori, tanto per chiarire, dell'acuto documentario sull'attore sieropositivo Steve Moore, intitolato Drop Dead Gorgeous, A Tragicomedy: The Power of HIV Positive Thinking), allora significa che non si è capito proprio nulla della sottile intelligenza visionaria che questi due registi newyorkesi posseggono. Impossibile poi tralasciare la maldestra e sconclusionata promozione che accompagnò l'uscita del loro film Party Monster in Italia: l'impressione è che si tentò frettolosamente di smaltire il "fondo di magazzino", focalizzando tutta l'attenzione sulla presenza dell'ex bambino prodigio Culkin e dimenticando accuratamente i riferimenti ai contenuti sociali, antropologici e militanti.

Nella scena underground di New York degli anni '90, fatta di feste alla moda, droghe e ambiguità sessuale Michael, trasferitosi da poco nella Grande Mela, conosce James St. James, che lo introduce nell'ambiente facendolo diventare uno dei più noti organizzatori di feste e eventi mondani. Arrivato all'apice, con tante amicizie e con altrettanti nemici. Commette un omicidio e lo confessa all'amico James. Il suo racconto viene preso come uno scherzo, ma dopo il ritrovamento del cadavere, tanti troveranno conveniente questa storia, proprio come James che sogna di diventare scrittore e riconquistare la scena toltagli da Michael.

“Money, Success, Fame, Glamour!”, mantra perfetto della società profetizzata poco prima da Andy Warhol, (de)cantata su un palco da un Macaulay Culkin in divisa nazista, corpo efebico e asessuato che segna il corto circuito vibrante di un'epoca irripetibile, le cui notti a base di eccessi erano attraversate dai bizzarri Club Kids. Gli autori conoscono bene Alig, le sue feste ed i suoi "ragazzi" (col medesimo titolo hanno girato nel 1998 un eccellente documentario sui veri protagonisti degli storici party monster), decidendo tuttavia saggiamente di non giudicarne mai le scelte, giuste o sbagliate che siano. Vengono evocati momenti magici, figli dei più colorati anni '80, pieni di una vitalità e di una follia tanto pericolosamente prossimi agli eccessi e all'autodistruzione, dove lo spettro dell'AIDS sembra aleggiare nonostante resti innominato.

Privo di scene sessualmente esplicite, il film colpisce più il cuore che i sensi. Il cast (bravissimi tutti, da Green a Culkin passando per la bellezza divina di Chloe Sevigny ed il cameo drag di Marilyn Manson), le scenografie e i costumi ripercorrono in simbiosi storie che sono state forse piccoli eventi, brillanti intuizioni per lungometraggi mai realizzati, il cui epilogo ha chiosato in parallelo uno stile di vita, un bisogno d'esserci e farsi sentire tanto forte e sincero da sembrare (oggi) terribilmente anacronistico. (Jacopo Coccia)

 

Da notare- Culkin segna con questo film la sua rinascita artistica “maledetta”: non più mossette e smorfie in pellicole per famiglie ma il chiaro intento di rimettersi in gioco, secondo un percorso professionale più maturo nonché difficile.

Perché su Bizzarro- Graffiante e spiazzante dal primo all'ultimo minuto, rispetta senza compromessi ciò che promette: puro delirio!

Film (più o meno) Simili: Studio 54 (1998) di Mark Cristopher

 

Trailer

 

NOTE:

Edizione italiana: fuori catalogo

 

Scheda del film a cura di: Jacopo Coccia


Non sono presenti Commenti


Commenta questo film Commenta questo film
Autore Commento

BBCode è Attivo .

Inserire il codice* Codice

Recensioni

Rubriche

 

cineforum

 

 

Non cinema

 

 

Non cinema

 

TRADUTTORE

 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

 

 

CI TROVI ANCHE SU